Camion per passione!

Forum Italiano dei Camion
 
IndiceIndice  CercaCerca  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividi
 

 camion definizione

Andare in basso 
AutoreMessaggio
el magutt

el magutt

Messaggi : 4527
Data di iscrizione : 09.11.13
Età : 62
Località : leno lombardia brescia

camion definizione Empty
MessaggioTitolo: camion definizione   camion definizione Icon_minitimeLun Lug 01, 2019 5:03 pm

Il termine Camion indica correttamente un autocarro, ma può riferirsi nel linguaggio comune (più o meno correttamente) anche ad altri mezzi di trasporto similari.

L'autocarro, o camion, è un veicolo in grado di trasportare merci autonomamente; si tratta di un mezzo di trasporto singolo e differisce dagli altri veicoli adibiti al trasporto su strada, come i rimorchi o i semirimorchi, perché fornito di motricità propria.

Impropriamente la denominazione di autocarro viene spesso utilizzata anche nel caso che sia accoppiato ad un'appendice, ad esempio un rimorchio, in questo caso è corretto parlare di autotreno; talvolta ci si riferisce, sempre impropriamente, anche al complesso veicolare costituito da un trattore stradale e da un semirimorchio, che formano in questo caso un autoarticolato, regolamentato in maniera differente rispetto all'autotreno.

L'origine etimologica della parola camion deriva da un termine francese presente dal XIV secolo, in particolare da una voce normanno-piccarda che significava carro. L'uso di tale termine e delle sue derivazioni fu oggetto di interrogazione, da parte di Benito Mussolini, all'Accademia d'Italia sulla sua correttezza ricevendone il consenso

Per quanto esistano tentativi per far muovere autonomamente dei veicoli per trasporto merce tramite dei motori a vapore già nella seconda metà del XVIII secolo, quello che può essere definito il primo autocarro della storia vide la luce nel 1896.

Costruito dalla Daimler-Motoren-Gesellschaft, si può notare che il progetto iniziale era derivato dai carri del tempo, semplicemente eliminando la parte anteriore destinata all'aggancio degli animali da traino e con il montaggio tra gli assi delle ruote di un motore bicilindrico da circa 2.200 cm³ che sviluppava 6 CV di potenza e riusciva a spingere il veicolo alla velocità di 16 km/h. Si può notare che le ruote erano rigorosamente di legno con il cerchione esterno in metallo e anche l'impianto frenante era lo stesso utilizzato per le carrozze[2].

Ben presto l'estetica, seguendo di pari passo l'evoluzione delle autovetture, migliorò con l'adozione di una carrozzeria chiusa che proteggeva il guidatore, con il motore che venne posizionato davanti all'abitacolo ed il moto che veniva trasferito alle ruote tramite una catena. Un'altra miglioria importante riguardò il passaggio alle ruote in gomma piena e alla presenza della prima diversificazione dei vani di carico, ora anche chiusi.

Nei primi due decenni del XX secolo l'importanza del camion aumentò sempre più, diversi costruttori si immisero sul mercato, come ad esempio la Fiat che fornì i primi autocarri al Regio Esercito, i Fiat 15[3]. Come in altri casi, l'impiego ai fini bellici durante la prima guerra mondiale diede un impulso alla progettazione di nuove soluzioni tecniche e, verso la fine degli anni venti si videro i primi autocarri dotati di trasmissione ad albero e con i primi pneumatici forniti di camera d'aria[4]. I motori continuavano ad essere a benzina e non riuscivano ad avere delle potenze particolarmente elevate; di conseguenza anche i carichi utili che si potevano trasportare erano di entità ridotta, raramente superiori alle 3 tonnellate. Anche gli ingombri, se paragonati ai mezzi odierni erano quasi risibili, la lunghezza totale giungeva intorno ai 5 metri mentre la larghezza e l'altezza non superavano i 150 e 250 cm.


Autocarro cittadino tra le due guerre
Le novità introdotte negli anni trenta furono molto importanti anche per il proseguimento della storia del camion. Innanzitutto il motore, fino allora posizionato subito dietro l'asse anteriore, venne portato molto più avanti, davanti e sopra l'asse stesso, ottenendo un'immediata migliore distribuzione del peso sull'automezzo ed un aumento considerevole nella portata di carico. Le ruote in legno venivano nel frattempo completamente abbandonate in favore di cerchi in metallo e i freni, sino ad allora limitati di norma alle ruote anteriori, si ampliarono anche all'asse posteriore del veicolo. Nelle città si vedevano sempre più autocarri ad effettuare le consegne e diventava sempre più diffusa la soluzione delle furgonature, cioè delle carrozzerie interamente in metallo e senza una divisione esterna tra abitacolo e vano di carico.

Anche le motorizzazioni si stavano spostando sempre più da quelle a benzina verso quelle diesel; questo soprattutto dopo l'inizio della produzione in serie delle pompe di iniezione cominciata nel 1927 da parte della Robert Bosch GmbH che vide la MAN come suo primo cliente[5].

Il decennio successivo vide nuovamente l'autocarro al centro dell'attenzione soprattutto per la sua attività in campo bellico; durante la seconda guerra mondiale fu il mezzo principale per il trasferimento di truppe e salmerie sui vari fronti e tutte le aziende del ramo furono impegnate in uno sforzo enorme per soddisfare l'imponente domanda di questo tipo di veicolo.

Nel secondo dopoguerra si tornò nuovamente a progettare automezzi per uso civile e si videro uscire sul mercato sempre più camion forniti di motore diesel ad iniezione diretta, un passo avanti notevole nel campo dell'efficienza, che permise l'erogazione di potenze molto più elevate, a regimi di giri più bassi e con una coppia più elevata che in precedenza. Anche le misure esterne aumentarono, diventando molto più simili a quelle odierne. La conformazione più classica era ancora quella con un muso anteriore molto pronunciato e con il cofano motore apribile dai lati per consentire un agevole accesso alle parti meccaniche.

Negli anni cinquanta si videro i primi motori provvisti di turbocompressore e le potenze ebbero così un'impennata arrivando mediamente intorno ai 200 CV. Forse l'unica cosa che non aveva fatto grandi passi da gigante era la cura dell'allestimento interno delle cabine, soprattutto per quanto riguarda l'insonorizzazione dell'abitacolo e l'isolamento termico dello stesso dal comparto motore. Con i primi spostamenti del guidatore direttamente sopra il vano motore le condizioni di guida non erano certamente favorevoli, soprattutto nei mesi più caldi dell'anno.

L'importanza dell'autista venne presa in seria considerazione solo negli anni successivi con lo studio di nuove soluzioni atte a rendere le ore di guida il più confortevoli possibili. Tra le soluzioni trovate vi furono quelle di un maggior isolamento termico ed acustico, una progettazione di sedili più ergonomici ed ammortizzati, l'utilizzo del servosterzo, l'inserimento di supporti antivibrazioni (poi sostituiti da un impianto di sospensioni) tra cabina e telaio e, con l'affermarsi delle cabine tutto avanti che presero il posto dei musoni, della presenza di un vano letto dietro i sedili di guida atto ad alloggiare il guidatore nelle soste notturne.


Autocarro degli anni settanta con cabina avanzata
Gli anni settanta e ottanta videro la ricerca indirizzata in principal modo alla sicurezza dell'autocarro con studi approfonditi in merito alla visibilità verso l'esterno del guidatore, all'introduzione di barre rigide sui fianchi e al posteriore per impedire agli altri veicoli di potersi infilare al di sotto dell'autocarro in caso di incidente, all'introduzione di freni a disco sempre più potenti e con la presentazione delle prime sospensioni ad aria che migliorarono nettamente l'assetto di marcia.

Sempre in questi stessi anni si sviluppava anche una tecnologia che permetteva ai trasportatori di rimanere sempre in contatto tra di loro e a volte anche con le loro sedi, cosa molto utile ad esempio per segnalare problemi di viabilità: sulla quasi totalità degli autocarri destinati a lunghi viaggi fu installato un ricetrasmettitore ad onde radio, il famoso CB.

L'ultimo decennio del secolo vide una sempre maggiore importanza data all'impatto ecologico e le case costruttrici dedicarono gran parte delle loro capacità alla messa in produzione di motori con sempre minor numero di emissioni inquinanti e che consentissero contemporaneamente una riduzione generalizzata dei consumi, uno dei problemi da sempre più sentiti da chi guida un automezzo pesante.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]
Poiché lo scopo degli autocarri è il trasferimento su strada di merci, sono dotati di cassoni o di vani di carico più o meno grandi e, in certi casi, di particolari apparecchiature da lavoro (come gru caricatrici e sponde montacarichi, per rendere più facili le operazioni di carico e scarico).

In generale il veicolo è dotato di uno o due sedili di fianco al conducente per eventuali passeggeri. Negli ultimi anni, però, le case costruttrici hanno omologato dei modelli idonei a trasportare un maggior numero di persone, fino a nove posti totali. Bisogna comunque tenere in debita considerazione il fatto che la legge italiana prevede che a bordo dell'autocarro possano trovarsi solamente le persone addette alla guida o direttamente collegate alle operazioni di carico e scarico delle merci trasportate, pertanto i suddetti passeggeri non possono essere assimilati a quelli delle autovetture.

Il posto di guida di un autocarro deve sempre essere protetto da eventuali spostamenti degli oggetti trasportati. Questo risultato viene ottenuto mantenendo separata la cabina dal vano di carico, oppure applicando un divisorio di protezione alle spalle del conducente in caso di carrozzeria ad unico vano (quest'ultima soluzione è particolarmente diffusa nei veicoli commerciali, tecnicamente appartenenti alla categoria N1, data la loro impostazione automobilistica).

Questa è la classificazione internazionale degli autocarri:

categoria N: veicoli a motore destinati al trasporto di merci, aventi almeno quattro ruote;
categoria N1: veicoli destinati al trasporto di merci, aventi massa massima non superiore a 3,5 t;
categoria N2: veicoli destinati al trasporto di merci, aventi massa massima superiore a 3,5 t ma non superiore a 12 t;
categoria N3: veicoli destinati al trasporto di merci, aventi massa massima superiore a 12 t;
All'interno di questa classificazione generale, che rileva particolarmente per quanto riguarda la differenziazione dei limiti massimi di velocità, si possono distinguere 2 sottocategorie, quella dei veicoli ad uso speciale e quella dei veicoli per trasporti specifici; i primi non effettuano alcun tipo di trasporto, ma sono dotati permanentemente di una particolare attrezzattura atta a svolgere un certo tipo di lavoro (autogrù, veicoli antincendio, veicoli per perforazione pozzi, veicoli con piattaforma elevatrice, autonegozi, veicoli pubblicitari, carri attrezzi ecc.), i secondi sono allestiti con carrozzerie o allestimenti in grado di svolgere unicamente un solo tipo di trasporto.

In Italia esiste poi la categoria dei mezzi d'opera, non riscontrabile in nessun altro codice della strada, anch'essa soggetta a normative speciali; tali veicoli sono considerati "veicoli per trasporti specifici", anche se esiste un particolare allestimento (autobotte con braccio) che può considerarsi appartenente ad entrambe le categorie.

L'autocarro contemporaneo[modifica | modifica wikitesto]

Telaio di camion non ancora allestito
L'autocarro classico, e contemporaneamente il più diffuso sulle strade, è quello in cui il vano di carico, sia esso di tipo telonato che furgonato, è completamente diviso dalla cabina di guida.

Gli autocarri possono essere interamente prodotti dalla stessa casa costruttrice oppure ottenuti in più fasi; molti degli autocarri in circolazione derivano da autotelai o cabinati (veicoli provvisti di cabina ma senza carrozzeria) sui quali aziende specializzate hanno installato in un secondo tempo le attrezzature da lavoro idonee al tipo di trasporto effettuato dal cliente. L'allestimento più diffuso è quello con una centinatura composta da un telaio in metallo provvisto di traversine (stecche) per fermare il carico e ricoperto da un telone in materie plastiche; questa soluzione è quella che consente il più agevole carico e scarico dei materiali essendo facilmente apribile su tutti i lati.

Un'alternativa è l'allestimento con una furgonatura, solitamente coibentata se non frigorifera, che consente un migliore stivaggio delle merci grazie alle pareti piene che bloccano il carico trasportato.

La terza soluzione di uso comune è quella di applicare sul telaio dell'autoveicolo un impianto idraulico di sollevamento e l'impianto di aggancio per poter disporre, nella parte destinata al carico, un container o una cassa mobile.

Un'altra soluzione ancora è quella di avere un cassone con sponde, ribaltabile per mezzo di pistoni idraulici, utilizzato negli autocarri adibiti al trasporto di materiali di scavo nell'edilizia.



Le norme del codice della strada specificano molte delle regole a cui l'autocarro deve sottostare, in particolare per quelle di ingombro che non può, nella circolazione normale, superare i 255 cm in larghezza (i veicoli con cella frigo i 260 cm per compensare in parte lo spessore del coibentato), i 400 cm in altezza (i veicoli per trasporto veicoli possono arrivare a 420 cm, i veicoli per trasporto animali vivi o balle di paglia o fieno i 430 cm) e i 12 metri in lunghezza, più eventualmente una sponda posteriore da 30 cm. Il carico può sporgere posteriormente dalla sagoma del veicolo per un massimo del 30% della lunghezza totale, ma i 12 m non possono comunque essere oltrepassati (ad esempio, se una motrice fosse lunga 10 m, la sporgenza massima posteriore sarebbe di 2 m e non di 3 m); anteriormente, invece, non è ammessa alcuna sporgenza.

Analogamente per i complessi di veicoli, autotreni o autoarticolati, non è consentita nessuna sporgenza di carico. Anche le classificazione dei vari tipi in base alla massa a pieno carico (più diffusa nel campo specifico dei trasporti la sigla PTT, sigla di Peso totale a terra, tara + carico) sono specificate nel codice stesso: la prima divisione avviene tra i mezzi sino a 3.500 kg classificati alla stregua di normali autovetture e quelli che superano tale limite. In quest'ultimo caso la guida è consentita solo a chi è in possesso di patente di guida di categoria superiore (la C in Italia per veicoli sprovvisti di rimorchio o con rimorchio fino a 750 kg di massa totale).


Autocarro di grande portata con centine
Una seconda divisione in classi avviene al traguardo dei 7.500 kg di PTT dove avviene la distinzione tra i mezzi di media portata e i veri mezzi pesanti. Sono questi ultimi quelli il cui transito è spesso limitato, sia nell'accesso alle aree urbane, sia nell'applicazione del divieto di circolazione nelle giornate festive e in determinate giornate, quelle definite di esodo.

Sempre secondo il codice della strada italiano la massa a terra di un automezzo isolato, pur variabile in base anche al numero di pneumatici e ad altri parametri, non può superare le 32 tonnellate, raggiungibili nel caso di veicolo a 4 assi con sospensioni pneumatiche. Naturalmente oltre alla massa totale è da tenere in considerazione una corretta distribuzione dei pesi tra i vari assi del camion: su ognuno di essi non deve in alcun caso gravare una massa superiore alle 12 tonnellate. Per i mezzi d'opera (veicoli per il trasporto di inerti: macerie edili, ghiaia, sabbia, cemento) la massa totale massima è di 40 tonnellate per i 4 o più assi con due assi anteriori sterzanti, e il limite di massa per asse è di 13 tonnellate.

Il Codice della strada ammette tuttavia una tolleranza del 5% calcolata sulla massa massima ammessa a pieno carico del veicolo: ad esempio, nel caso di una motrice a 4 assi con sospensioni pneumatiche che raggiunga le 32 tonnellate, si ha una tolleranza di 1,6 tonnellate, permettendo di arrivare legalmente ad una massa totale a terra di 33,6 tonnellate. Per i mezzi d'opera, la tolleranza si calcola sulla massa legale dei medesimi e non su quella eccezionale.

Conformazione della cabina[modifica | modifica wikitesto]
Mentre in passato le cabine erano normalmente di carattere allungato per ospitare il motore davanti ad essa (cosiddetta cabina arretrata), la continua evoluzione della tecnica ha permesso di accorciarla continuamente, posizionandola al di sopra del vano motore (questa impostazione prende il nome di cabina avanzata); in questo modo si è ottenuta una maggiore lunghezza utilizzabile per il vano di carico retrostante senza andare ad aumentare l'ingombro complessivo del veicolo.

Tuttavia, per molti anni i costruttori hanno mantenuto l'accesso al motore tramite un cofano apribile sito all'interno della stessa cabina, con accessibilità e posizione di lavoro abbastanza problematiche; anche la pulizia all'interno dell'abitacolo risentiva in maniera negativa nel caso di interventi meccanici, così come l'insonorizzazione del propulsore.

Tale soluzione ha resistito per buona parte degli anni settanta, quando si diffusero le cabine avanzate completamente ribaltabili verso la parte anteriore del veicolo tramite martinetti idraulici; ciò ha consentito sia di sigillare completamente la cellula abitativa rispetto alla meccanica sia di garantire un'accessibilità pressoché totale non solo al propulsore, ma anche ad altri organi meccanici, in quanto il veicolo si "scopre" nella parte anteriore per tutta la sua larghezza.

Una caratteristica che questo tipo di cabina ha imposto è la necessità di utilizzare un comando del cambio sfilabile, per garantire il ribaltamento della cabina, ma alcuni costruttori non fissano la leva dentro l'abitacolo, ed essa rimane solidale con la barra che la unisce alla scatola del cambio. Il ribaltamento della cabina è generalmente effettuato con una piccola pompa idraulica azionata manualmente all'esterno (quasi sempre posta sul lato sinistro subito dopo l'asse anteriore), anche se in alcuni veicoli particolarmente accessoriati è presente un comando elettrico.

Durante la manovra di ribaltamento, la cabina viene sollevata fino ad un certo angolo, dopodiché prosegue la corsa per effetto del suo peso, analoga situazione si ha nella fase opposta; poiché la fascia paracolpi rimane fissa, un apposito meccanismo garantisce l'apertura automatica di un eventuale mascherina anteriore, altrimenti essa si romperebbe a causa dell'angolo di ribaltamento raggiunto dall'abitacolo.

Anche il sistema di molleggio della cabina ha conosciuto una notevole evoluzione, passando da semplici tamponi in gomma (i cosiddetti "silent-block") fino ad arrivare ai moderni impianti di sospensione dotati di quattro molle ad aria, ammortizzatori, barre stabilizzatrici e correzione automatica dell'assetto, che garantiscono ovviamente un notevole grado di comfort; tra questi due estremi esiste una certa varietà di soluzioni, dalla sospensione completamente meccanica a quella mista (meccanica-pneumatica), con o senza correttore dell'assetto.

Anche l'aerodinamica è sempre più considerata e la cabina moderna presenta delle linee molto più arrotondate rispetto al passato ed è anche usuale l'apposizione al di sopra di essa di appositi spoiler per deflettere l'aria al di sopra del vano di carico guadagnando nel coefficiente di penetrazione.

Per gli autocarri destinati ad un uso prettamente locale la cabina è relativamente ridotta e spartana ma per quelli destinati a lunghi viaggi l'allestimento interno comprende almeno un letto posizionato dietro (e/o sopra) il guidatore ed è molto spesso fornita di tutti i comfort necessari durante le soste notturne e nelle lunghe ore trascorse alla guida. Oltre all'impianto di riscaldamento invernale (spesso funzionante in maniera totalmente autonoma dal veicolo) e a quello di climatizzazione estiva è molto facile trovarvi frigorifero ed impianto televisivo; come è diventata usuale anche la possibilità di modificare la disposizione interna dei sedili in modo da trasformare l'ambiente di guida in un confortevole salotto, o in un funzionale ufficio viaggiante, durante le soste.

Un'altra caratteristica che si rileva spesso sulle cabine degli autocarri moderni è la fondamentale presenza, ai fini della sicurezza, di vetri molto ampi e di un gran numero di specchi esterni, diversamente orientati, per agevolare il controllo da parte dell'autista di tutti i vari ingombri dell'automezzo, sia in sede di manovra sia nell'uso su strada dello stesso.


Cruscotto di camion con cronotachigrafo a sinistra
Tra le norme di sicurezza che riguardano gli autocarri di massa superiore ai 3.500 kg vi è quella fondamentale in merito alle velocità e ai tempi di guida. A questi controlli è delegato il cronotachigrafo, obbligatoriamente installato a bordo del veicolo, solitamente a fianco della normale strumentazione di controllo, che annota su appositi dischi di carta giornalieri le velocità raggiunte dal camion e le ore di effettivo utilizzo alla guida.

All'inizio del XXI secolo il normale cronotachigrafo a funzionamento meccanico è stato sostituito dalle moderne versioni elettroniche che memorizzano i dati non più su supporto cartaceo bensì su memoria digitale.

Anche l'elettronica è oggi molto presente nelle cabine dei camion, sia attraverso i computer di bordo forniti di sempre più funzioni destinate al monitoraggio del motore e dei consumi, sia con la presenza dei recenti navigatori satellitari GPS o attraverso evoluti sistemi di telefonia in viva voce che hanno affiancato se non sostituito gli apparati di ricetrasmissione (i famosi CB) di una volta.

Telaio e motore[modifica | modifica wikitesto]
I telai dell'autocarro sono forniti di un numero di assi variabile, solitamente 2 o 3 per gli usi più comuni, e quello motore è in genere dotato di ruote gemellate. I più moderni sono corredati di sospensioni pneumatiche che provvedono ad un livellamento ottimale del mezzo indipendentemente dal carico trasportato e consentono anche un maggior comfort di marcia, non raggiungibile dalle soluzioni precedentemente adottate con sospensioni a balestre.


Gli autocarri moderni sono sempre più veloci anche grazie all'alleggerimento dei telai
Al telaio sono fissati il serbatoio del carburante, la ruota di scorta e le attrezzature accessorie destinate alla sicurezza, come gli estintori o i fermi da apporre sotto le ruote per evitare movimenti del mezzo. Inoltre sono quasi sempre presenti uno o più vani chiusi dove si possono stivare attrezzi di uso comune e accessori per il fissaggio dei carichi (cavi d'acciaio, cinghie ecc.).

I motori della produzione attuale sono rigorosamente diesel di varia cubatura, spazianti da quelli utilizzati sui veicoli leggeri (che derivano da quelli per la produzione automobilistica di serie) sino ai grossi motori che superano i 16.000 cm³ ed erogano potenze superiori ai 600 CV. Di questi tipi di propulsore esistono varie conformazioni, sia in linea che a V e la maggior parte sono dotati di turbocompressore.

I cambi montati sono abitualmente meccanici, multimarcia con la presenza delle marce ridotte per superare più facilmente le asperità. Il numero delle marce varia generalmente in funzione della massa del veicolo; in quelli leggeri è di 5 o 6 rapporti, come nelle autovetture, mentre nei veicoli di fascia media è possibile che al cambio base venga accoppiato un riduttore, in maniera da raddoppiare il numero di marce disponibili. L'azionamento del cambio è meccanico, a leva, mentre il riduttore è generalmente comandato da un pulsante posto sul pomello del cambio stesso. Nei veicoli pesanti, specialmente quelli adibiti al traino di rimorchi o semirimorchi, il cambio è tipicamente costituito da una scatola base, contenente in genere 3 o 4 marce più la retromarcia, un selettore di gamma ed un riduttore posti rispettivamente a valle ed a monte della scatola base; in tal modo si arriva a quadruplicare il numero dei rapporti disponibili. L'innesto delle marce della scatola base è in genere comandato tramite leva mentre il riduttore (tecnicamente denominato "splitter") ed il selettore di gamma sono azionati con pulsanti posti sul pomello del cambio. Esistono pure sistemi di azionamento nei quali la leva è sostituita da un piccolo joystick e da alcuni pulsanti posti su di esso, mentre dei cilindri pneumatici azionano le forcelle di innesto marce; questo sistema consente un azionamento facile e confortevole, non esistendo collegamenti meccanici tra il comando e la scatola del cambio. Recentemente si sta affermando anche la presenza di sistemi con cambio automatico, che assumono varie denominazioni commerciali a seconda del costruttore del veicolo e che permettono un azionamento in completa sinergia con le effettive condizioni di marcia del veicolo; sono diffusi specialmente nei veicoli con potenza e coppia motrice molto elevati (recentemente si sono raggiunti i 730 CV di potenza massima e i 3500 Nm di coppia massima), al fine di salvaguardare la catena cinematica da utilizzi inappropriati e/o da errori di guida.

Vani di carico[modifica | modifica wikitesto]
I vani di carico dell'autocarro di uso comune sono caratterizzati da una larghezza che consenta di caricare agevolmente le merci su pallet, tipicamente 240 cm, con un fondo livellato e fabbricato in legno o in alluminio. L'altezza utile per il carico si aggira intorno ai 280 cm sui mezzi più moderni, forniti di telaio ribassato e sospensioni pneumatiche. L'automezzo medio ha una lunghezza del vano intorno ai 6 metri utili ma, arrivando al limite complessivo massimo ammesso, sono stati predisposti anche cassoni con lunghezze fino ai 10/10,5 metri (per rimanere nei 12 metri totali, circa 2 metri di cabina + 10 metri di cassone).

Anche per il trasporto di merci pericolose (ADR) si pongono sempre maggiori attenzioni e per essere omologato il vano di carico deve sottostare a determinate condizioni: devono essere presenti materiali ignifughi sia per il fondo che per i teloni esterni e devono essere presenti all'esterno delle tabelle indicanti il tipo di merce trasportata e il carattere della pericolosità. Tabelle dello stesso tipo devono essere riportate anche ai lati e sul davanti dell'automezzo, all'esterno della cabina. In aggiunta a ciò, i veicoli adibiti al trasporto di merci pericolose devono possedere un allestimento specifico, generalmente eseguito dallo stesso costruttore, che consiste in:

impianto elettrico schermato con cavi e connessioni speciali
presenza di un dispositivo chiamato "sezionatore" che consente di isolare la batteria dal resto del veicolo agendo su un interruttore
presenza di apparecchi per la lotta contro l'incendio, almeno uno per il veicolo (di capacità minima di 2 kg di polvere o di capacità corrispondente) ed almeno uno per il carico (minimo 6 kg); l'equipaggio del veicolo deve conoscerne l'uso. Gli estintori destinati al carico devono soddisfare una norma riconosciuta ed essere piombati in modo da verificare che non siano stati utilizzati, oltre ad una scritta che indichi le data entro la quale debba aver luogo la successiva ispezione.
presenza delle zanche, di due segnali di avvertimento portatili, di una cintura o di un indumento fluorescente e di una lampada tascabile. Inoltre deve essere presente l'equipaggiamento necessario per la presa di misure supplementari e speciali così come previsto nelle istruzioni di sicurezza (10385).
Tipologia[modifica | modifica wikitesto]
Le immagini che seguono illustrano le altre forme più diffuse degli autocarri, per ciascuna delle quali, comunque, esistono diverse varianti.

Autocarro con cassone e gru dietro la cabina[modifica | modifica wikitesto]
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Autogrù.

Autocarro con gru e piano di carico
Il cassone può essere fisso oppure di tipo ribaltabile (per il trasporto di materiali sfusi) e la gru può avere il braccio raccolto dietro la cabina oppure disteso sul cassone o ancora, sebbene più raramente, montata sullo sbalzo posteriore.

Per la stabilità e la sicurezza durante il sollevamento dei materiali attraverso la gru, che deve essere effettuato rigorosamente da fermo, è dotato di 4 piedi stabilizzatori indipendenti, comandati idraulicamente, per potersi adattare ad ogni conformazione di terreno ed impedire pericolosi spostamenti del carico movimentato.

L'utilizzo più comune è quello per il carico di mezzi d'opera (scavatrici, ruspe, carrelli elevatori) e per le consegne di materiali pesanti in luoghi dove non si trovano banchine di carico e attrezzature idonee (cantieri edili ad esempio).

L'autoveicolo da cui viene ricavato può avere da due a quattro assi in base alla portata massima della gru che vi si vuole installare.

Per gli utilizzi più gravosi e più particolari, l'autogrù può avere anche solo la funzione di "gru mobile" per lo spostamento locale dei materiali e non per il relativo trasporto a destinazione. Esempi di questo tipo sono i veicoli utilizzati per i traslochi dai piani alti o quelli in uso ai servizi di emergenza antincendio.

Autocarro con furgonatura e sponda montacarichi posteriore[modifica | modifica wikitesto]

Autocarro furgonato e sponda montacarichi posteriore
Si tratta dell'automezzo classico in uso nel trasporto di consistenti quantità di beni verso i pubblici esercizi.

Soprattutto nelle grandi città difficilmente gli esercizi commerciali dispongono di aree attrezzate specificatamente al carico scarico, di conseguenza l'uso della sponda idraulica consente di portare le merci, spesso disposte su pallet, dal cassone dell'autoveicolo al livello strada risparmiando su tempi e fatica.

La furgonatura dell'automezzo, consistente nella presenza di pareti rigide ai lati e sul fondo, può essere più o meno coibentata ed in vari casi specificatamente frigorifera per non interrompere la catena del freddo nel trasporto dei prodotti alimentari. La sponda caricatrice, in ordine di marcia, può essere verticale (come nel caso rappresentato) oppure ripiegata sotto lo sbalzo. Questo tipo di autoveicolo difficilmente ha più di 3 assi, nonostante l'incremento della tara dovuto alla presenza della furgonatura e della sponda aggiuntiva, in virtù del fatto che di norma deve raggiungere delle destinazioni cittadine dove l'ingombro eccessivo è fonte di problematiche aggiuntive.

Autocarri silos e cisterna[modifica | modifica wikitesto]

Cisterna degli anni sessanta
Si tratta dell'automezzo per trasporto specifico destinato al trasporto di liquidi, cioè di un autotelaio su cui è montata una cisterna con caratteristiche particolari in base al tipo di liquido contenuto, sia esso alimentare come il latte, sia per il trasporto di prodotti chimici diversi, sia per quello molto usuale dei derivati del petrolio.

Essendo molto spesso destinati al trasporto di merci pericolose a vario titolo (infiammabile, tossico, corrosivo), particolare cura deve essere destinata agli accorgimenti di sicurezza.

La stessa ingegneria di base viene utilizzata anche per la realizzazione dei camion destinati al trasporto delle polveri, dove la cisterna viene sostituita da un silos adatto sia al trasporto di mangimi animali sia a quello di ogni altro prodotto polverizzato.

Sono di solito attrezzati con accessori come impianti di scarico del contenuto a pressione, contatori di precisione del quantitativo di merce scaricato, ecc.

Autocarro per trasporto altri veicoli[modifica | modifica wikitesto]

Autocarro per trasporto autovetture
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Bisarca.
È l'automezzo destinato al trasporto di altri veicoli gommati, il cui vano di carico è aperto, provvisto di guide per gli pneumatici dei veicoli caricati a bordo, di fermi per gli stessi una volta caricati e di una rampa di carico estraibile posteriormente per consentire un agevole carico e scarico.

Le versioni di uso più comune sono quelle per il soccorso stradale di auto in difficoltà, dove nella parte anteriore è installato anche un verricello per il traino a bordo del veicolo non funzionante.

Esistono poi le versioni a due piani di carico (in cui quello superiore è dotato di meccanismi che ne consentono l'abbassamento) utilizzate per il trasporto di più auto contemporaneamente, adatte al trasferimento tra le fabbriche costruttrici e le reti di vendita.

Autocarro con cabina allungata (tipo "pick-up")[modifica | modifica wikitesto]

Autocarro con cabina allungata
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Pick-up (veicolo).
Questi autoveicoli, in genere, hanno una massa complessiva non maggiore di 3.500 kg consentendone l'uso con la patente di guida B, cioè quella della normale autovettura.

Si tratta dell'autoveicolo classico utilizzato per lavoro dalle imprese edili dato che il tipo di cabina, allungata, permette di ospitare dei passeggeri anche dietro il conducente. Viene così agevolato contemporaneamente il trasferimento degli operai e delle loro attrezzature di base. Il cassone può essere occasionalmente coperto con un telone atto a proteggere le merci trasportate o con una scocca rigida rimovibile.

Nello stesso tempo fa oggi parte anche dei veicoli alla moda, specialmente negli Stati Uniti, dove gli allestimenti interni non sono più improntati alla massima utilità bensì sono identici a quelli delle normali autovetture d'alta classe.

Si tratta anche della categoria di autocarri dove è più frequente la presenza della trazione integrale anziché dell'abituale trazione posteriore, soluzione tecnica che agevola il raggiungimento delle destinazioni più disagiate come quelle montane.

Autocarro con cabina incorporata nella carrozzeria[modifica | modifica wikitesto]

Autocarro con cabina incorporata nella carrozzeria
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Furgone.
Questo tipo di carrozzeria è propria dei cosiddetti autoveicoli commerciali (come Fiat Ducato, Renault Kangoo, Citroën Berlingo, Ford Transit etc.). Negli ultimi tempi, tuttavia, presentano una morfologia simile anche gli autocarri derivanti da autoveicoli multiuso (o monovolume) e fuoristrada, dotati di posti a sedere anche dietro il conducente.

Per poter essere considerato un mezzo da puro trasporto di merci e non come un mezzo da uso promiscuo, la protezione degli occupanti dagli spostamenti del carico deve essere assicurata da una paratia metallica, montata fra l'abitacolo e il vano delle merci. Sono degli autocarri con una massa totale non superiore a 3.500 kg, pertanto utilizzabili con la semplice patente di guida delle autovetture.

Gli ingombri di questo mezzo sono nettamente inferiori a quelle dell'autocarro classico per consentire degli agevoli spostamenti anche nelle zone interdette al traffico pesante.

Autocarro a 4 ruote motrici[modifica | modifica wikitesto]

Un Unimog in versione ambulanza
Si tratta di un tipo di autocarro per usi particolari, soprattutto destinato agli impegni più gravosi, sia in campo civile che militare, e a terreni anche impervi o sprovvisti di asfaltatura.

Sono naturalmente provvisti di trazione integrale sulle 4 ruote, solitamente hanno il telaio maggiormente rialzato e delle sospensioni indipendenti con un'escursione particolarmente ampia per poter meglio assorbire le asperità del terreno.

Uno degli automezzi più famosi di questo tipo è l'Unimog, veicolo progettato dalla Mercedes-Benz e costruito sin dal primo dopoguerra. L'eclettismo di questo tipo di autocarro è dimostrato anche dalla molteplicità di allestimenti in cui può essere trasformato, da quelli per interventi di emergenza in casi di calamità, sino agli allestimenti a duplice uso che gli consentono di muoversi anche lungo dei binari e sulla sede ferroviaria.



Maggiori costruttori di autocarri[modifica | modifica wikitesto]
Tra i maggiori costruttori di telai per autocarri e di autocarri completi, in attività in Europa si possono citare alfabeticamente:

DAF
Fiat Professional
Iveco
MAN AG
Mercedes-Benz
Renault Trucks
Scania AB
Volvo Trucks
Tatra Trucks
Tra i costruttori italiani non più in attività come costruttori di autocarri vi sono invece:

Autobianchi
Alfa Romeo[6]
Bremach
Fiat Veicoli Industriali
Lancia
O.M.

Torna in alto Andare in basso
el magutt

el magutt

Messaggi : 4527
Data di iscrizione : 09.11.13
Età : 62
Località : leno lombardia brescia

camion definizione Empty
MessaggioTitolo: Re: camion definizione   camion definizione Icon_minitimeMar Lug 02, 2019 10:55 am

Un camion o camion è un veicolo a motore progettato per il trasporto di merci . I camion variano notevolmente in termini di dimensioni, potenza e configurazione; le varietà più piccole possono essere meccanicamente simili ad alcune automobili . I camion commerciali possono essere molto grandi e potenti e possono essere configurati per essere montati con attrezzature specializzate, come nel caso di camion per rifiuti , camion dei pompieri , betoniere e escavatori a depressione . A rigor di termini, un veicolo commerciale senza trattore o altra articolazione è un "carrello dritto" mentre uno progettato specificamente per trainare un rimorchio non è un camion ma un "trattore". [1]

I camion moderni sono in gran parte alimentati da motori diesel , sebbene negli Stati Uniti, in Canada e in Messico esistano camion di piccole e medie dimensioni con motori a benzina . Nell'Unione Europea, i veicoli con massa lorda combinata fino a 3,5 t (7.700 lb) sono conosciuti come veicoli commerciali leggeri e quelli oltre a quelli di grandi dimensioni .

Vagoni a vapore
Articolo principale: Vagone del vapore
I camion e le auto hanno un antenato comune: il fardier a vapore Nicolas-Joseph Cugnot costruito nel 1769. [ citazione necessaria ] Tuttavia, i carri a vapore non erano comuni fino alla metà del 1800. Le strade del tempo, costruite per cavalli e carri, limitavano questi veicoli a cali molto brevi, di solito da una fabbrica alla stazione ferroviaria più vicina. Il primo semirimorchio apparve nel 1881, [ citazione necessaria ] trainata da un trattore a vapore fabbricato da De Dion-Bouton . I carri a vapore furono venduti in Francia e negli Stati Uniti fino alla vigilia della prima guerra mondiale e nel 1935 nel Regno Unito, quando un cambiamento delle norme sulla tassazione stradale li rese antieconomici contro i nuovi camion diesel.

Combustione interna

Daimler Motor-Lastwagen del 1898
Nel 1895 Karl Benz progettò e costruì il primo camion della storia utilizzando il motore a combustione interna. Più tardi quell'anno alcuni dei camion Benz sono stati modificati per diventare il primo autobus della Netphener , la prima compagnia motorbus della storia. Un anno dopo, nel 1896, Gottlieb Daimler costruì un altro camion con motore a combustione interna. [2] Altre società, come Peugeot , Renault e Büssing , costruirono anche le loro versioni. Il primo camion negli Stati Uniti fu costruito da Autocar nel 1899 ed era disponibile con motori opzionali da 5 o 8 cavalli. [3]

I camion dell'epoca utilizzavano principalmente motori bicilindrici e avevano una portata da 3.300 a 4.400 lb (da 1.5 a 2 t). Nel 1904 furono costruiti 700 camion pesanti negli Stati Uniti, 1000 nel 1907, 6000 nel 1910 e 25000 nel 1914.

Dopo la prima guerra mondiale, furono fatti molti progressi: le gomme pneumatiche sostituirono le versioni in gomma piena precedentemente comuni. Seguirono avviatori elettrici , servofreno , motori a 4, 6 e 8 cilindri, cabine chiuse e illuminazione elettrica. Sono comparsi anche i primi moderni semirimorchi . Costruttori di auto da turismo come Ford e Renault entrarono nel mercato degli autocarri pesanti.

Motori diesel
Sebbene fosse stato inventato nel 1897, il motore diesel non apparve nei camion di serie finché Benz lo introdusse nel 1923. [4] Il motore diesel non era comune nei camion in Europa fino agli anni '30. Negli Stati Uniti, Autocar introdusse motori diesel per applicazioni pesanti a metà degli anni '30. La domanda era abbastanza alta che Autocar lanciò il modello "DC" (diesel convenzionale) nel 1939. Tuttavia, ci volle molto più tempo per i motori diesel per essere ampiamente accettati negli Stati Uniti: i motori a benzina erano ancora in uso sui camion pesanti negli anni '70. [5] [6]

Etimologia
Il camion è utilizzato in inglese americano ed è comune in Canada , Australia , Nuova Zelanda , Porto Rico , Pakistan e Sudafrica , mentre il camion è l'equivalente in inglese britannico , ed è il solito termine in paesi come il Regno Unito , l' Irlanda , la Malesia , Singapore e India .

La parola "camion" potrebbe provenire da una formazione posteriore di "truckle", che significa "piccola ruota" o "puleggia", dal medio inglese trokell , a sua volta dalla troclea latina . [ citazione necessaria ] Un'altra possibile fonte è il troco latino, che significa "cerchio di ferro". A loro volta, entrambe le fonti provengono dal greco trokhos (τροχός), che significa "ruota", da trekhein (τρέχειν, "correre").

Il primo uso conosciuto di "camion" risale al 1611, quando si riferiva alle piccole ruote forti sui carri armati delle navi. Nel suo uso prolungato si riferiva a carrelli per il trasporto di carichi pesanti, un significato noto dal 1771. La sua applicazione estesa a "portacavi motorizzati" è in uso dal 1930, abbreviato da "camion", che risale a 1901. [7] [8]

Il "camion" ha un'origine più incerta, ma probabilmente ha le sue radici nel settore del trasporto ferroviario , dove si sa che nel 1838 è stato usato il termine per indicare un tipo di camion (un carro merci come nell'uso britannico, non un carrello come nell'americano), in particolare un grande carro piano. Probabilmente deriva dal verbo sbronzo (tirare, tirare) di origine incerta. Il suo significato espanso, "veicolo semovente per il trasporto di merci", è in uso dal 1911. [9] [10] Prima di questo, la parola "camion" era usata per una sorta di grande carro merci trainato da cavalli. [ citazione necessaria ]

Varianza internazionale
Ulteriori informazioni: Elenco dei tipi di camion
Negli Stati Uniti, in Canada e nelle Filippine il "camion" è di solito riservato ai veicoli commerciali più grandi delle normali automobili e comprende pickup e altri veicoli con un letto di carico aperto. In Australia, Nuova Zelanda e Sud Africa , la parola "camion" è principalmente riservata ai veicoli più grandi; in Australia e Nuova Zelanda, un camioncino viene solitamente chiamato ute (abbreviazione di "utilità"), [11] mentre in Sud Africa è chiamato bakkie ( afrikaans : "piccolo contenitore aperto"). Nel Regno Unito, l'India, la Malesia, Singapore, l'Irlanda e il camion di Hong Kong vengono utilizzati al posto del camion , ma solo per i tipi medio e pesante.

Tipi per dimensione
Vedi anche: Classificazione dei camion e Elenco dei tipi di camion
ultra leggera

Might-E Truck da veicoli elettrici canadesi
Spesso prodotti come varianti di auto da golf , con combustione interna o azionamento elettrico a batteria , questi sono usati tipicamente per uso fuori strada su proprietà, campi da golf e parchi. Sebbene non sia adatto all'uso in autostrada, alcune varianti possono essere autorizzate come veicoli a bassa velocità per il funzionamento su strade, generalmente come una variazione del corpo di un veicolo elettrico di quartiere . Alcuni produttori producono chassis specializzati per questo tipo di veicoli, mentre Zap Motors commercializza una versione del loro triciclo elettrico Xebra (acquistabile negli Stati Uniti come motocicletta).

molto leggera

Un Piaggio Porter

Ashok Leyland Dost nel Tamil Nadu in India
Popolare in Europa e in Asia, molti mini camion sono riprogettazioni di fabbrica di automobili leggere, di solito con corpi monoscocca . I progetti specializzati con cornici sostanziali come la Piaggio italiana qui illustrata si basano su disegni giapponesi (in questo caso Daihatsu ) e sono popolari nelle sezioni "città vecchia" di città europee che spesso hanno vicoli molto stretti.

Indipendentemente dal nome, questi piccoli camion servono una vasta gamma di usi. In Giappone, sono regolati dalle leggi automobilistiche Kei , che consentono ai proprietari di veicoli di ridurre le tasse per l'acquisto di un veicolo più piccolo e meno potente (attualmente il motore è limitato a 660 cc di cilindrata). Questi veicoli sono utilizzati come veicoli commerciali su strada in Giappone. Questi mini camion costruiti in Giappone per la guida su strada sono in competizione con gli ATV fuoristrada negli Stati Uniti, e le normative sulle importazioni richiedono che questi mini camion abbiano un regolatore di velocità di 40 km / h (25 mph) in quanto sono classificati come veicoli a bassa velocità. [12] Questi veicoli hanno trovato impiego in edilizia, grandi campus (governo, università e industrie), agricoltura, allevamenti di bestiame, parchi di divertimento e rimpiazzi per golf cart. [13]

I principali produttori di mini-camion e i loro marchi:

Daihatsu Hijet
Honda Acty
Tata Ace
Mazda Scrum
Mitsubishi Minicab
Subaru Sambar
Suzuki Carry
Leggera

Ritiro Dongfeng
Gli autocarri leggeri sono di dimensioni auto (negli Stati Uniti, non più di 13.900 lb (6,3 t)) e sono utilizzati da privati ​​e aziende. Nell'UE non possono pesare più di 3,5 t (7.700 lb) e possono essere guidati con una patente di guida per le auto. I camioncini , chiamati utes in Australia e in Nuova Zelanda, sono comuni in Nord America e in alcune regioni dell'America Latina, dell'Asia e dell'Africa, ma non così in Europa, dove questa dimensione del veicolo commerciale è più spesso fatta come furgoni.

media

Fuso Canter 3C13, 8a generazione in Spagna.
I camion medi sono più grandi della luce ma più piccoli dei camion pesanti. Negli Stati Uniti, sono definiti come di peso compreso tra 13.000 e 33.000 libbre (5,9 e 15,0 t). Per il Regno Unito e l'UE il peso è compreso tra 3,5 e 7,5 t (da 7.700 a 16.500 lb). La consegna locale e il servizio pubblico ( autocarri con cassone ribaltabile , camion della spazzatura e camion antincendio ) sono normalmente di queste dimensioni.

pesante

Una betoniera è un esempio di un autocarro pesante di classe 8

Seddon Atkinson Stratos rifiuta il costipatore

Camion frigo SNVI
I camion pesanti sono i più grandi camion su strada, classe 8 . Questi includono applicazioni vocazionali come autocarri con cassone ribaltabile pesante, autobetoni per calcestruzzo e trasporto rifiuti, così come onnipresenti trattori 4x2 e 6 × 4 a lungo raggio. [14]

I danni e l'usura della strada aumentano molto rapidamente con il peso dell'assale. Anche il numero di assali sterzanti e il tipo di sospensione influenzano la quantità di usura della strada. In molti paesi con buone strade un camion a sei assi può avere un peso massimo di 44 t (97.000 libbre) o più.

fuoristrada

I trasportatori di antenne ALMA sono lunghi 20 m, larghi 10 m, pesano 130 t (290.000 libbre) e guidano su 28 pneumatici. [15]
I carrelli fuoristrada sono autocarri standard legali per impieghi gravosi extra pesanti, tipicamente equipaggiati con caratteristiche fuoristrada come un assale anteriore e pneumatici speciali per applicazioni quali il disboscamento e la costruzione e veicoli fuoristrada appositamente costruiti non vincolati da limiti di peso, come il carrello minerario Liebherr T 282B .

Dimensioni massime per paese
L'Australia ha regolamentazioni complesse su peso e lunghezza, compresa la spaziatura degli assi, il tipo di gruppo asse / asse, sbalzo posteriore, perno di sterzo sul retro del rimorchio, lunghezza del timone, altezza libera dal suolo, nonché leggi in altezza e larghezza. Questi limiti sono tra i più alti del mondo, un B-double può pesare 62,5 t (138.000 lb) e avere una lunghezza di 25 m (82 ft), mentre i treni stradali utilizzati nell'outback possono pesare 172 t (379.000 lb) ed essere 53,5 m (176 piedi) di lunghezza. [16] [17]

Anche l' Unione Europea ha regolamenti complessi. Il numero e la spaziatura degli assi, dello sterzo, dei pneumatici singoli o doppi e del tipo di sospensione influiscono sul peso massimo. La lunghezza di un camion, di un rimorchio, dall'asse al punto di attacco, il perno di sterzata sul retro del rimorchio e il raggio di sterzata sono tutti regolati. In aggiunta, ci sono regole speciali per il trasporto di container, e i paesi possono impostare le proprie regole per il traffico locale. [18]

La legge del Ponte Federale degli Stati Uniti riguarda la relazione tra il peso lordo del camion, il numero di assi, il peso e la distanza tra gli assi che il camion può avere sul sistema autostradale dell'Interstate. [19] Ciascuno Stato determina il veicolo , la combinazione e il peso dell'assale consentiti su strade statali e locali.

Nazione Massimo
con tre assi Con un rimorchio Combinazione massima
Australia [16] [17] 23 t (50.700 lb) 12 m (39 piedi) 172 t (379.000 libbre)
53,5 m (176 piedi)
Cina [20] 25 t (55,100 lb)
12 m (39 piedi) 49 t (108.000 libbre)
16,5 m (54 piedi) 55 t (121.000 lb)
18,75 m (62 piedi)
UE [18] 26 t (57.300 lb)
12 m (39 piedi) 16,5 m (54 piedi) 44 t (97.000 libbre)
18,75 m (62 piedi)
Irlanda [21] 26 t (57.300 lb)
12 m (39 piedi) 30 t (66,100 lb)
16,5 m (54 ft 2 in) 44 t (97.000 libbre)
22 m (72 piedi)
Svezia [22] 26 t (57.300 lb)
24 m (79 piedi) 60 t (132.300 libbre)
24 m (78 ft 9 in) 60 t (132.300 libbre)
25,25 m (82,8 piedi)
Regno Unito [23] [24] 26 t (57.300 lb)
12 m (39 piedi) 44 t (97.000 libbre)
16 m (52 ​​piedi) 44 t (97.000 libbre)
18,75 m (62 piedi)
USA [25] [26]
(Interstate) 54.000 lb (24,5 t)
45 piedi (13,7 m) 80.000 libbre (36,3 t)
nessuna 80.000 libbre (36,3 t)
nessuna
Unicamente, lo stato del Michigan ha un limite di peso lordo del veicolo di 164.000 sterline (74.000 kg), che è il doppio del limite federale statunitense. Anche se si sostiene che questo è uno dei motivi per cui il Michigan ha le peggiori strade del paese [27] (insieme alla mancanza di fondi - Michigan è morto ultimo tra i cinquanta stati [A] ), una misura per cambiare la legge era solo sconfitto nel Senato del Michigan . [30] [31] [32] [33] [34]

design
Quasi tutti i camion condividono una costruzione comune: sono costituiti da un telaio , una cabina , un'area per il carico di merci o attrezzature, assali , sospensioni e ruote , un motore e una trasmissione . Possono anche essere presenti sistemi pneumatici , idraulici , idraulici ed elettrici . Molti rimorchiano anche uno o più rimorchi o semirimorchi .

Cab

Scania R 470 camion naso piatto

Cabina convenzionale aerodinamica

Cabina accanto al motore
La cabina è uno spazio chiuso in cui è seduto l'autista. Un "dormiente" è un vano collegato o integrato alla cabina dove il conducente può riposare mentre non guida, a volte visto in camion semi-rimorchio .

Esistono diverse configurazioni di cabina:

" Cab over engine" (COE) o "naso piatto"; dove il guidatore è seduto sopra l'asse anteriore e il motore . Questo design è quasi onnipresente in Europa, dove le lunghezze dei camion sono rigorosamente regolamentate, ma anche ampiamente utilizzate nel resto del mondo. Erano comuni negli autocarri pesanti nordamericani, ma perdevano importanza quando la lunghezza consentita fu estesa all'inizio degli anni '80. Tuttavia, questo design è ancora popolare in Nord America tra i camion medi e leggeri. Per raggiungere il motore, l'intera cabina si inclina in avanti, ottenendo questo design il nome di "Tilt-Cab". Questo tipo di cabina è particolarmente adatto alle condizioni di consegna in Europa, dove molte strade seguono la disposizione di percorsi e piste molto più antiche che richiedono la capacità di sterzata aggiuntiva data dal passo corto della cabina rispetto al tipo di motore. [35] Il design COE è stato inventato da Viktor Schreckengost . [36]
I taxi convenzionali sono i più comuni in Nord America e Australia, e sono conosciuti nel Regno Unito come "taxi americani" e nei Paesi Bassi come "taxi siluri". L'autista è seduto dietro il motore, come nella maggior parte delle autovetture o camioncini. Molti nuovi taxi sono molto aerodinamici , con un cofano inclinato e altre caratteristiche per ridurre la resistenza.
Esistono anche cabine accanto al design del motore , ma sono piuttosto rare e vengono utilizzate principalmente all'interno di cantieri navali o altri usi speciali che richiedono al veicolo di trasportare carichi lunghi come tubi, barre di metallo, ferro piatto e altri materiali da costruzione. Questo tipo è spesso realizzato su misura da un normale camion cabover che rimuove la metà superiore della cabina sul lato passeggero e sostituita da una sezione estesa del letto.
Un ulteriore passo da questo è il carrello elevatore laterale che può essere descritto come un veicolo appositamente fabbricato con le stesse proprietà di un camion di questo tipo, oltre alla capacità di prendere il proprio carico.

Motori e motori

Cummins ISB 6.7L motore diesel per veicoli di medie dimensioni
La maggior parte dei piccoli camion come SUV o pickup e persino camion leggeri di media potenza in Nord America, Cina e Russia utilizzano motori a benzina (motori a benzina), ma molti modelli con motore diesel sono ora in produzione. La maggior parte dei camion più pesanti utilizza motori diesel a quattro tempi con turbocompressore e intercooler . Enormi camion fuoristrada utilizzano motori di tipo locomotivo come un motore V12 Detroit Diesel a due tempi . I motori diesel stanno diventando il motore di scelta per i camion che vanno da 3 a 8 GVW. [ citazione necessaria ] Un'ampia percentuale di camion per rifiuti negli Stati Uniti utilizza motori a metano (gas naturale compresso) per il loro basso costo del carburante e le emissioni di carbonio ridotte.

Una percentuale significativa di autocarri fabbricati in Nord America utilizza un motore costruito dall'ultimo grande produttore indipendente di motori ( Cummins ), ma la maggior parte degli OEM globali come Volvo Trucks e Daimler AG promuovono i propri motori "prigionieri". [37]

Nell'Unione Europea, tutti i nuovi motori per autocarri devono essere conformi alle normative sulle emissioni Euro VI . [38]

A partire dal 2019 diverse tecnologie alternative sono in competizione per spostare l'uso dei motori diesel nei camion pesanti. I motori a metano sono ampiamente utilizzati nell'industria dei rifiuti degli Stati Uniti e nelle betoniere, tra le altre vocazioni a corto raggio, ma i limiti di gamma hanno impedito il loro più ampio utilizzo nelle applicazioni di trasporto merci. Autocarri pesanti e autocarri alimentati a idrogeno sono ancora in fase di prototipazione e test sul campo, anche se i resoconti dei media indicano che vi è un sostanziale interesse da parte dei principali trasportatori di merci. [39] [40]

Trasmissione

Panoramica delle sospensioni posteriori del carrello e dell'assale

Eaton Roadranger 18 "crash box" con cambio automatico
I piccoli camion utilizzano lo stesso tipo di trasmissioni di quasi tutte le automobili , con una trasmissione automatica o una trasmissione manuale con sincronizzatore (sincronizzatori). I camion più grandi utilizzano spesso trasmissioni manuali senza sincronizzatori, risparmiando ingombro e peso, sebbene le trasmissioni sincronizzate siano utilizzate anche su camion più grandi. Le trasmissioni senza sincronizzatori, note come "crash box", richiedono un doppio innesto per ogni turno, (che può portare a lesioni da movimento ripetitivo), o una tecnica conosciuta colloquialmente come "fluttuante", un metodo per cambiare le marce che non usa il frizione, eccetto per avviamenti e arresti, a causa dello sforzo fisico del doppio innesto, specialmente con frizioni non servoassistite, turni più veloci e minore usura della frizione.

Il doppio innesto consente al guidatore di controllare il motore e i giri della trasmissione per sincronizzarsi, in modo da poter effettuare uno spostamento fluido; ad esempio, quando si passa in alto, il pedale dell'acceleratore viene rilasciato e il pedale della frizione premuto, mentre la leva del cambio viene messa in folle, il pedale della frizione viene rilasciato e rapidamente premuto nuovamente mentre la leva del cambio viene spostata alla marcia successiva più alta. Infine, il pedale della frizione viene rilasciato e il pedale dell'acceleratore premuto verso il basso per ottenere il regime motore richiesto. Sebbene si tratti di un movimento relativamente veloce, forse un secondo o due mentre la trasmissione è in folle, consente alla velocità del motore di abbassarsi e sincronizzare i giri del motore e della trasmissione rispetto alla velocità della strada. La scalata verso il basso viene eseguita in modo simile, ma ora è necessario aumentare la velocità del motore (mentre la trasmissione è in folle) la giusta quantità per ottenere la sincronizzazione per un cambio di marcia regolare e senza collisione. "Skip change" è anche ampiamente usato; in linea di principio, l'operazione è la stessa del doppio innesto, ma richiede che il neutro sia tenuto leggermente più lungo di un cambio a marcia singola.

Le configurazioni comuni in Nord America includono 9, 10, 13, 15 e 18 velocità. Le trasmissioni automatiche e semi-automatiche per autocarri pesanti stanno diventando sempre più comuni, grazie ai progressi sia nella trasmissione che nella potenza del motore. In Europa, 8, 10, 12 e 16 marce sono comuni su autocarri più grandi con cambio manuale, mentre le trasmissioni automatiche o semiautomatiche dovrebbero avere da 5 a 12 marce. Quasi tutte le trasmissioni di autocarri pesanti sono del tipo "range and split" (double h shift pattern), in cui il cambio di gamma e le cosiddette semivele o spaccature sono azionate ad aria e sempre preselezionate prima della selezione dell'ingranaggio principale.

cornice

Una vista di sezione di telaio posteriore del camion (telaio)

Telaio del pickup (vista posteriore destra)
Un telaio per camion è costituito da due binari paralleli (tubolari) o a forma di C, o travi, tenuti insieme da traverse . Questi telai sono indicati come telai ladder a causa della loro somiglianza con una scala se inclinati alla fine. Le rotaie sono costituite da una sezione verticale alta (due se in scatola) e due flange orizzontali più corte. L'altezza della sezione verticale fornisce l'opposizione al flex verticale quando il peso viene applicato alla parte superiore del telaio (resistenza del raggio). Sebbene di solito siano piane per tutta la lunghezza su autocarri pesanti, le rotaie possono talvolta essere rastremate o incurvate per consentire il passaggio intorno al motore o sugli assali. I fori nelle rotaie vengono utilizzati per montare componenti del veicolo e cavi e tubi in esecuzione, oppure per misurare e regolare l'orientamento delle rotaie in fabbrica o in officina.

Il telaio è solitamente in acciaio , ma può essere realizzato (intero o in parte) in alluminio per un peso più leggero. Un gancio di traino può essere trovato attaccato ad una o entrambe le estremità, ma i trattori pesanti utilizzano quasi sempre un gancio di ralla . [ citazione necessaria ]

Tipi di corpo
I camion del frigorifero hanno pannelli isolanti come pareti e un tetto e un pavimento, usati per trasportare merci fresche e congelate come gelati, cibo, verdure e farmaci da prescrizione. Sono per lo più dotati di porte posteriori a due ali, ma a volte è montata una porta laterale.

I box truck ("inclinazioni" nel Regno Unito) hanno pareti e un tetto, creando uno spazio di carico chiuso. La parte posteriore ha le porte per lo scarico; a volte viene montata una porta laterale. [41]

Le betoniere hanno un tamburo rotante su un asse inclinato, che ruota in una direzione per mescolare e nell'altra per scaricare gli scivoli di cemento. A causa del peso e dei requisiti di potenza del corpo del tamburo e dei siti di costruzione grezzi, i miscelatori devono essere molto resistenti. [42] [43]

Gli autocarri con cassone ribaltabile ("ribaltabili" nel Regno Unito) trasportano materiale sfuso come sabbia, ghiaia o terra per la costruzione. Un autocarro con cassone ribaltabile tipico ha un letto a cassone aperto, che è incernierato nella parte posteriore e si solleva nella parte anteriore, consentendo di scaricare il materiale nel letto ("scaricato") sul terreno dietro al camion. [44] [45]

I carrelli con pianale hanno un corpo della piattaforma completamente piatto e livellato. Ciò consente un caricamento facile e veloce ma non ha alcuna protezione per il carico. A volte sono montati i lati sospesi o rimovibili. [46]

I semirimorchi ("artics" nel Regno Unito) hanno una quinta ruota per il traino di un semirimorchio anziché di un corpo.

I camion cisterna ("petroliere" nel Regno Unito) sono progettati per trasportare liquidi o gas . Di solito hanno un serbatoio cilindrico che giace orizzontalmente sul telaio. Esistono molte varianti a causa della grande varietà di liquidi e gas che possono essere trasportati. [47]

I demolitori ("camion per il recupero" nel Regno Unito) sono utilizzati per recuperare e / o trainare veicoli disabili. Normalmente sono dotati di un braccio con un cavo; gli ascensori ruota / telaio stanno diventando comuni sui camion più recenti. [48] [49] [50]

Problemi di vendita e vendita
produttori
Articolo principale: Elenco dei produttori di camion
Mercato dei camion in tutto il mondo
I più grandi produttori di camion non americani nel mondo a partire dal 2015.
Pos. Rendere unità
1 Daimler AG ( Mercedes-Benz , Freightliner , Unimog , Western Star , Fuso , BharatBenz ) 506.663 [51]
2 Navistar International 359.000 [52]
3 Dongfeng 336,869 [53]
4 Tata 317.780 [54]
5 Volvo Group ( Volvo , Mack , Renault , UD Nissan ) 207,475 [55]
6 Gruppo Volkswagen ( MAN , Scania , Caminhões e Ônibus ) 179,035 [56]
7 Hino 162,870 [57]
8 Paccar ( DAF , Kenworth , Peterbilt , Leyland ) 154.700 [58]
9 Iveco 140.200 [59]
Guida
In molti paesi, guidare un camion richiede una patente di guida speciale. I requisiti e le limitazioni variano a seconda della giurisdizione.

Australia

All'interno di un camion Mack
In Australia, è richiesta una licenza per camionista per qualsiasi veicolo a motore con massa lorda del veicolo (GVM) superiore a 4,5 t (9,900 lb). Le classi dei veicoli a motore sono ulteriormente ampliate come:

Combinazione
HC : Combinazione pesante, un tipico motore primo più una combinazione di semirimorchi.
MC : Multi Combinazione, ad esempio, B Doubles / road trains
Rigido
LR : leggero rigido: un veicolo rigido con un GVM superiore a 4,5 t (9,900 lb) ma non superiore a 8 t (17,600 lb). Qualsiasi rimorchio trainato non deve pesare più di 9 t (20.000 libbre) GVM.
MR : medio rigido: un veicolo rigido con 2 assi e un GVM di oltre 8 t (17.600 lb). Qualsiasi rimorchio trainato non deve pesare più di 9 t (20.000 libbre) GVM. Comprende anche veicoli in classe LR .
HR : Heavy Rigid: un veicolo rigido con tre o più assi e un GVM di oltre 8 t (18.000 libbre). Qualsiasi rimorchio trainato non deve pesare più di 9 t (20.000 libbre) GVM. Comprende anche autobus e veicoli articolati in classe MR .
Trasmissione di veicoli pesanti
Esiste anche una condizione di trasmissione di veicoli pesanti per un test di classe HC , HR o MC passato in un veicolo dotato di trasmissione automatica o sincronizzata; la patente di guida sarà limitata ai veicoli di quella classe muniti di cambio sincronizzato o trasmissione automatica. Per rimuovere la condizione, una persona deve superare un test di guida pratico in un veicolo con trasmissione non sincronizzata (rete costante o crash box). [60]

Europa

All'interno di un camion Mercedes-Benz
Le patenti di guida sono state armonizzate in tutta l'Unione europea (e praticamente in tutti gli Stati europei non membri), in modo che le norme comuni si applichino all'interno dell'Europa (vedi patente di guida europea ). Come panoramica, per guidare un veicolo che pesa più di 7,5 t (16.500 lb) per scopi commerciali richiede una licenza specialistica (il tipo varia a seconda dell'uso del veicolo e del numero di posti). Per le licenze acquistate per la prima volta dopo il 1997, tale peso è stato ridotto a 3,5 t (7.700 lb), esclusi i rimorchi. [ citazione necessaria ]

India
Ci sono circa 5 milioni di conducenti di camion in India. [61]

Sud Africa
Per guidare qualsiasi veicolo con una GVM superiore a 3,5 t (7.700 lb), è richiesta una licenza per il conducente del codice C1. Inoltre, se il veicolo supera 16 t (35,300 lb) diventa necessaria una licenza in codice C.

Per guidare qualsiasi veicolo in Sudafrica trainando un rimorchio con una GVM superiore a 7,5 t (16.500 lb), si applicano ulteriori restrizioni e il conducente deve possedere una licenza adatta per la GVM della combinazione totale e una specializzazione articolata. Questo è indicato con la lettera "E" che prefissa il codice di licenza.

Inoltre, qualsiasi veicolo progettato per trasportare merci o passeggeri può essere guidato solo da un autista in possesso di un permesso di guida pubblico (o PrDP) del tipo applicabile. Questa è una licenza aggiuntiva che viene aggiunta alla scheda DL dell'operatore e soggetta a rinnovo annuale a differenza del periodo di rinnovo quinquennale di una normale licenza.

Di seguito sono riportati i requisiti per ottenere le diverse classi.

"G": richiesto per il trasporto di merci generali, richiede un controllo del casellario giudiziario e una tassa per l'emissione e il rinnovo.
"P": necessario per il trasporto di passeggeri paganti, richiede un controllo penale più severo, inoltre il conducente deve avere più di 21 anni al momento dell'emissione. Il PrDP di classe AG verrà rilasciato contemporaneamente.
"D": necessario per il trasporto di materiali pericolosi, richiede tutti gli stessi controlli della classe P. Inoltre, il conducente deve avere più di 25 anni al momento dell'emissione.
Stati Uniti

All'interno di un Navistar 9000
Negli Stati Uniti è richiesta una patente di guida commerciale per guidare qualsiasi tipo di veicolo commerciale che pesa 26,81 libbre (11,8 tonnellate) o più. [62] Il governo federale regola il numero di ore di un autista all'orologio, quanto tempo di riposo e di sonno è richiesto (ad esempio, 11 ore di guida / 14 ore di servizio seguite da 10 ore di pausa, con un massimo di 70 ore / 8 giorni o 60 ore / 7 giorni, 34 ore di riavvio) [63] Le violazioni sono spesso soggette a sanzioni significative. A volte devono essere montati strumenti per tracciare le ore di ogni conducente. Nel 2006, l' industria degli autotrasporti USA impiegava 1,8 milioni di conducenti di autocarri pesanti. [64] C'è una carenza di autisti di camion a lunga distanza addestrati e disposti. [65]

Parte della ragione per la scarsità è la ricaduta economica dalla deregolamentazione dell'industria degli autotrasporti. Michael H. Belzer è un esperto riconosciuto a livello internazionale sull'industria dell'autotrasporto, in particolare l'impatto istituzionale ed economico della deregolamentazione . [66] È un professore associato , nel dipartimento di economia della Wayne State University . È autore di Sweatshops on Wheels: Winners and Losers in Trucking Deregulation ( Oxford University Press , 2000). [67] La sua opera principale fu accolta con grande favore. Salari bassi, cattive condizioni di lavoro e condizioni non sicure sono stati il ​​risultato diretto della deregolamentazione. "[Questo libro] sostiene che il trasporto su autocarro incarna il lato oscuro della nuova economia". [68] "Le condizioni sono così povere e il sistema retributivo così ingiusto che le compagnie di lungo raggio competono con il settore dei fast food per i lavoratori.La maggior parte dei trasportatori a lungo raggio sperimenta il 100% del fatturato annuale dei conducenti. scrisse: "Le carrozze dei 18-wheeler sono diventate le fatiscenti del nuovo millennio, con alcuni camionisti che lavorano duramente fino a 95 ore settimanali per quello che equivale a poco più del salario minimo. [Questo libro] sta aprendo gli occhi nella sua valutazione di ciò che l'industria di autotrasporti è diventata. " [66]

impatto ambientale
Vedi anche: Gas di scarico e impatto ambientale del trasporto

Trattore DAF con semirimorchio per il trasporto di autoveicoli con auto Škoda Octavia a Cardiff , nel Galles
I camion contribuiscono all'inquinamento atmosferico, acustico e idrico in modo analogo alle automobili . I camion possono [ emettere ] emissioni di inquinamento atmosferico inferiori rispetto alle auto per massa equivalente del veicolo, sebbene il livello assoluto per la distanza percorsa dal veicolo sia più elevato e lo scarico diesel sia particolarmente pericoloso per la salute. [70] L' EPA misura l'inquinamento dai camion. [71] Per quanto riguarda l'inquinamento acustico , i camion emettono livelli sonori considerevolmente più elevati a tutte le velocità rispetto alle auto tipiche; questo contrasto è particolarmente forte con autocarri pesanti. [72] Ci sono diversi aspetti delle operazioni di camion che contribuiscono al suono generale che viene emesso.I suoni continui sono quelli dei pneumatici che rotolano sulla carreggiata e il ronzio costante dei loro motori diesel a velocità autostradale. Rumori meno frequenti, ma forse più evidenti, sono cose come il ripetuto fischio acuto di un turbocompressore in accelerazione, o il brusio improvviso di un rallentatore del freno di scarico quando si attraversa un downgrade. È stata implementata una regolazione del rumore per aiutare a controllare dove e quando è consentito l'uso di rallentatori del motore .

Sono state espresse preoccupazioni in merito all'effetto degli autotrasporti sull'ambiente, in particolare nell'ambito del dibattito sul riscaldamento globale , così tanti paesi stanno abbassando i limiti delle emissioni di CO2 dei camion. [73]

Secondo una stima del governo degli Stati Uniti del 1995, il costo energetico di trasportare una tonnellata di merci una distanza di un chilometro è in media 337 kJ per l'acqua, 221 kJ per il trasporto ferroviario, 2.000 kJ per i camion e quasi 13.000 kJ per il trasporto aereo. [74] Molte organizzazioni ambientaliste favoriscono leggi e incentivi per incoraggiare il passaggio dalla strada alla ferrovia, specialmente in Europa. [75]

Il Parlamento europeo si sta muovendo per garantire che le tariffe per i veicoli pesanti debbano basarsi in parte sull'inquinamento atmosferico e acustico che producono e sulla congestione che provocano, secondo la legislazione approvata dal comitato dei trasporti. [76] È stato proposto lo schema dell'Eurovignetta , in base al quale nuovi oneri potrebbero essere imposti su cose come il rumore e l'inquinamento atmosferico e anche i danni ponderali causati dai camion stessi. [77]

Un trattore e un rimorchio da 60 tonnellate a 80 km / h richiede 168 kW: 41% (68 kW) per superare la resistenza al rotolamento , 38% (64 kW) per la resistenza aerodinamica , 9% (15 kW) per gli ausiliari, 7 % (12 kW) per la trasmissione e il pneumatico e il 6% (10 kW) per l' isteresi in salita / discesa . [78]

camion definizione 220px-Truck.car.transporter.arp.750pix



camion definizione 170px-Kuwaiti_BM-30_Smerch


camion definizione 220px-Kenworth_T2000%2C_Kenworth_Dealer_Hall_of_Fame%2C_2015


camion definizione 170px-Scania_R470_topline



camion definizione 220px-Cummins_Engine_%28LKW%29


camion definizione 220px-Rear_axles_tandem



https://en.wikipedia.org/wiki/Truck
Torna in alto Andare in basso
el magutt

el magutt

Messaggi : 4527
Data di iscrizione : 09.11.13
Età : 62
Località : leno lombardia brescia

camion definizione Empty
MessaggioTitolo: LKW camion   camion definizione Icon_minitimeMar Lug 02, 2019 11:01 am


LKW

Un camion ( camion , camion ) o in Svizzera un camion [1] o Camion [2] appartiene ai veicoli commerciali . Questo trasporterà merci . Un camion può anche essere utilizzato con un rimorchio; Questo team è chiamato un camion . Se il trattore è corto e il rimorchio è posizionato su di esso , il team viene chiamato semirimorchio .


Camion di peso medio (14 t)
Nomi comuni e ortografie sono anche camion , camion , camion o camion . I veicoli per il trasporto su strada con un peso lordo inferiore a 2,8 te veicoli speciali come mezzi pesanti, grandi autocarri a cassone ribaltabile o grandi autogru non sono indicati come autocarri.

camion definizione 220px-Kaelble-zugmaschine-stuttgart-2005

Un camion in senso popolare è generalmente costituito da un telaio portante, solitamente un telaio a pioli , un motore adatto, una cabina di guida ( cabina ) e una struttura progettata per sostenere il carico o il carico. Oltre a questi veicoli pesanti, che possono essere suddivisi in autocarri leggeri, medi e pesanti in base al loro peso, un numero di veicoli costruiti su telai di automobili sono classificati come camion se sono adatti al trasporto di carichi. A seconda del tipo di registrazione e utilizzo, anche uno e lo stesso modello di veicolo può essere considerato sia un'auto (come un minibus ) o un camion (come un furgone ) per determinati furgoni e veicoli combinati . La maggior parte identici con i modelli di auto si differenziano per una corrispondente conversione di fondi z. B. nessuna fila di sedili o finestrini laterali. Altri piccoli camion sono, ad esempio, furgone a pannelli , combo alto tetto e pianale piccolo. I carrelli sono progettati per trasportare carichi uniformi e (opzionalmente come articolati ) per trainare rimorchi aggiuntivi, oppure sono costruiti come semirimorchio (Germania) o trattore (Austria). I semi-rimorchi sono, poiché essi stessi mancano della struttura destinata al trasporto di merci, connessi al trasporto di merci con un semirimorchio (il cosiddetto semirimorchio ) e insieme a questo formano un semirimorchio. Questo dovrebbe essere distinto dai trattori progettati per trainare i rimorchi convenzionali. Quest'ultimo ha avuto una maggiore importanza fino agli anni '60, ma oggi non si trovano praticamente più nel settore del trasporto merci (ad eccezione dei veicoli delle aree verdi e dei mezzi pesanti ).

Viene fatta una distinzione in base alla posizione del motore rispetto alla cabina, ai tipi Langhauber (motore davanti alla cabina), Kurzhauber (motore parzialmente spostato nella cabina) e al manubrio anteriore (motore sotto o dietro la cabina, ad esempio nella parte posteriore del veicolo ( Motore posteriore ) o sotto il pavimento ( motore a pavimento )). Inoltre, c'erano angolo e Rundhauberformvarianten.

Dimensioni e pesi -
modifica della
classificazione legale
Gli autocarri sono solitamente suddivisi in base al peso lordo del veicolo (GVG) o al peso lordo del veicolo (GVW) e al numero di assi, nonché al loro scopo. In Europa , a seconda della legislazione sugli autoveicoli dei singoli stati:

Piccoli camion e auto convertite fino a 3,5 tonnellate (t) .
Autocarri leggeri fino a 7,5 t (abbreviato: camion , l'abbreviazione è talvolta utilizzata anche per autocarri leggeri e auto convertiti fino a 3,5 t)
Camion medi fino a 18 t
Autocarri pesanti (abbreviato: SKW ) in Svezia e Danimarca fino a 60 t; in Germania come rimorchi o semirimorchi fino a 40 t (nel trasporto combinato fino a 44 tonnellate, per cui non si può superare un carico di 11,5 tonnellate per asse); in Austria camion fino a 32 t, con rimorchio fino a 40 t; in Svizzera dal 1 ° gennaio 2005 fino a 40 t; nei Paesi Bassi fino a 50 t. Esperimenti con unità più grandi, il cosiddetto EuroCombis (camion lungo) - spesso erroneamente chiamato Gigaliner nei media, ma questo è solo il nome del modello di un body builder - sono in uso in vari paesi europei.
Vedi anche articolo: veicolo commerciale / dimensioni e pesi
Legalmente ci sono anche molte diverse classificazioni di autocarri: a parte il loro peso, dipendono anche dal design e dal tipo di utilizzo e hanno effetti diversi per quanto riguarda l' assicurazione auto , i regolamenti stradali , i pedaggi , le tasse sui veicoli e altre tasse . Ad esempio, in molti stati c'è un divieto di domenica e giorni festivi .

Di norma, viene fatta una distinzione secondo il progetto in base all'uso previsto nel trasporto locale o nei camion di distribuzione (di solito veicoli più piccoli e solitamente con cabine più piccole senza posti letto) da un lato e veicoli pesanti a lunga percorrenza dall'altro. L'uso effettivo di entrambi i generi è possibile anche nel campo di applicazione reciproco, ma non decisivo per la distinzione formale. Tuttavia, l'UE ha ora autorizzato i viaggi a lungo raggio che il conducente non può trascorrere il suo periodo di riposo in albergo, ma anche in auto, quando sono disponibili determinate dimensioni e attrezzature della cabina. Il Nahverkehrsführerhäuser commerciale senza divano di riposo non è più consentito per il traffico a lunga distanza senza connessione hotel secondo il Lieestattenverordnung. Lo stesso regolamento ha portato anche al fatto che nella costruzione dal 1977 al 1991 di "veicoli volumetrici" e dei cosiddetti "Topsleepern" (cabine sul tetto), l'uso durante la guida era quindi proibito. La cabina di guida come sovrastruttura alcova sopra una normale, breve auto di trasporto pubblico è stata utilizzata per consentire una maggiore lunghezza di carico con la stessa lunghezza complessiva del veicolo. Dal 1991, le vere cabine di trasporto pubblico sono state equiparate alle grandi cabine di guida a lunga percorrenza e solo l'intera lunghezza del camion o l'area di carico è stata riparata.

Nel frattempo, i cosiddetti semirimorchi Euro con un semirimorchio a due assi e un semirimorchio a tre assi (rimorchio) hanno superato i classici treni articolati nei numeri di immatricolazione. Il cosiddetto "camion Euro" è definito dall'UE in termini di dimensioni, equipaggiamento e peso massimo, e il suo funzionamento è consentito in tutti gli stati membri dell'UE, ma anche in qualsiasi stato associato all'UE, indipendentemente dal luogo di ingresso SEE. Il camion europeo o europeo (camion) può essere di 18,75 m come camion articolato, lungo 16,50 m come semirimorchio, alto fino a 4,0 me alto 2,55 m senza gli specchietti esterni (frigoriferi fino a 2,60 m) m). L'obbligo di registrazione di un camion UE deve essere recepito nella legislazione nazionale. Esistono eccezioni permanenti, ma differiscono dallo SEE o dallo Stato membro dell'UE al SEE o allo Stato membro dell'UE. Pertanto, il treno snodato in Svezia è consentito senza la modifica delle altre misure per una lunghezza totale fino a 26,50 me un peso totale consentito fino a 60 tonnellate. Le gru mobili in Germania, tuttavia, possono essere larghe fino a 3 metri senza modificare le altre dimensioni.

In Svizzera , che non è associata con l' UE tramite l'accordo SEE , il peso totale dei camion era limitato a 28 tonnellate, la sua altezza 4 me la sua larghezza senza uno specchio 2,55 m. Solo dal 1 ° gennaio 2005 è possibile utilizzare in generale camion in Svizzera con un peso lordo di 40 tonnellate. In Svizzera, come nell'UE, i camion articolati possono essere lunghi fino a 16,5 metri e treni articolati lunghi fino a 18,75 m come nell'UE. Tuttavia, la lunghezza dei camion sulle strade laterali è spesso limitata a 12 m. Tuttavia, i veicoli più pesanti erano già stati incontrati prima nel traffico internazionale. Negli anni '80 ci sono stati accanto a autobus e camion nel traffico locale spesso solo 2,30 m di larghezza, economici su strade di montagna strette e piacevoli per i ciclisti.

Modifica della
patente di guida
Per guidare un camion, in base alla massa massima autorizzata in Europa, è necessaria una patente di guida con patente di guida B (fino a 3,5 t), C1 (fino a 7,5 t) o C. Per guidare rimorchi oltre 750 kg di massa totale consentita dietro uno Questi veicoli richiedono anche l'appropriata patente di guida per rimorchio classe BE, C1E o CE. Tuttavia, per quanto riguarda il trasporto di rimorchi dietro un veicolo trainante di classe B, se la categoria BE è assente, si applicano regole aggiuntive. Pertanto, la massa massima ammissibile del rimorchio può anche essere superiore a 750 kg, se la massa totale ammissibile dell'intero rimorchio non supera 3,5 t. La patente di guida di classe B può essere estesa a 4,25 tonnellate di peso lordo del veicolo partecipando a un corso di addestramento per conducenti (il trattore può ancora avere una massa massima di 3,5 tonnellate). Questo è indicato nella patente di guida inserendo il numero di codice 95. Nel diritto di guidare solo la massa totale autorizzata del veicolo è cruciale, che di solito è specificata nei documenti del veicolo. La massa effettiva non ha importanza. Ad esempio, per guidare un camion parzialmente carico con un peso lordo del veicolo di 12 te 7 t di massa effettiva, è richiesta la patente di guida di classe C. In questo caso, C1 non è sufficiente.

Le patenti di guida delle classi C1 (E) e C (E) sono valide solo per un periodo limitato. Dal 1 ° gennaio 1999, la classe C1 (E) è concessa fino all'età di 50 anni (in seguito per 5 anni ciascuno), la classe C (E) solo per 5 anni. Per le licenze rilasciate prima di questa data, potrebbero essere applicati altri termini.

Inoltre, per la guida commerciale di veicoli, per i quali è richiesta una patente di guida della classe C1 (E) o C (E), è richiesta la prova di una qualifica di base o di un'ulteriore formazione in base alla normativa sulla qualifica professionale del conducente. Per i viaggi privati ​​questo non è necessario e per esempio per le imprese artigianali ci sono delle eccezioni.

Modifica
del ceppo stradale
I camion usano le strade molto più delle autovetture: diversi studi ipotizzano che un camion singolo possa portare la strada fino a circa 100.000 automobili, vedere la quarta legge sulla potenza . La gamma di calcoli va da 35.000 volte [5] a più di 160.000 volte [6] il carico dell'automobile. I costi sostenuti per la costruzione e la manutenzione necessaria delle strade non sono coperti dalle tariffe del camion. In effetti, il traffico di camion rappresenta solo il 30% circa delle spese sostenute. Nella rete stradale subordinata (ovvero sulle strade locali), il recupero dei costi è solo del 18%. [7]

Di conseguenza, spesso non vi è alcuna giustificazione per il funzionamento del carrello. I costi di manutenzione delle strade devono essere sostenuti dal pubblico in generale. Le vie di trasporto alternative, come il trasporto merci su rotaia o la spedizione di solito, presentano uno svantaggio competitivo.

Il pedaggio per camion in Germania è stato introdotto il 1 ° gennaio 2005 e si applica dal luglio 2018 su tutte le autostrade federali. Tuttavia, viene impostato in base alla classificazione dei carrelli nelle classi di sostanze inquinanti e indipendentemente dalle effettive emissioni inquinanti.

Quando i camion del rumore del traffico stradale sono parzialmente presi in considerazione. Ad esempio, le precedenti "linee guida tedesche per la protezione acustica sulle strade RLS-90" e l' ordinanza tedesca sul rumore del traffico ( 16th BImSchV ) fanno solo una distinzione grossolana tra auto e camion sulla base del peso totale consentito. Il metodo di calcolo provvisorio per il rumore ambientale sulle strade nel 2006 ha classificato i veicoli superiori a 3,5 tonnellate come camion. [8] In una sentenza del 10 ottobre 2012 il Tribunale amministrativo federale in Germania ha ritenuto che l'uso del valore predefinito di 2,8 t e ​​il calcolo comparativo di 3,5 t nella valutazione del rumore e del carico inquinante atmosferico per i camion fossero ammissibili. [9]


Trasporto di autocarri attraverso la "strada campestre" attraverso le Alpi
In Svizzera, viene addebitata la tassa LSVA per veicoli pesanti relativa alle prestazioni . Il traffico pesante copre ora i suoi costi di oltre il 100 percento, come ha dichiarato la Corte Suprema federale, il più alto organo giudiziario in Svizzera, nella sua sentenza del 17 dicembre 2011 [10] .

Valutazione del ciclo di vita
Il camion ha il peggior bilancio di gas serra rispetto alle ferrovie. Secondo i calcoli del VCÖ, un camion con un peso lordo del veicolo di 3,5 - 32 tonnellate sta inquinando l'ambiente con una quindicina di emissioni di CO 2 in più rispetto a un treno merci. [11]

Gli inizi della costruzione dei camion
Modifica
→ Articolo principale : Storia dell'industria dei veicoli commerciali
Nel 1893, Panhard e Levassor costruirono un piccolo veicolo di trasporto con una piattaforma aperta sulla base del loro primo veicolo di produzione. 1895 sono stati offerti nel prospetto di vendita dei vari veicoli commerciali del marchio. Finalmente, nel 1896, Panhard e Levassor avevano già varie sovrastrutture. C'era un piccolo e un furgone più grande con la costruzione autorizzata del motore Daimler - V e un corpo aperto o chiuso. Il posto di guida può essere scelto con o senza cabina. Nel 1896, cinque veicoli furono venduti ai clienti finali secondo gli archivi del Panhardwerk. Solo nel 1898 ci fu un primo camion "giusto" per una tonnellata di carico utile.


Daimler engine-lorry (1896)
Il 1 ° ottobre 1896, Gottlieb Daimler , fondatore della Daimler-Motoren-Gesellschaft , vendette il primo camion motorizzato a Cannstatt vicino a Stoccarda . Questo aveva un carico utile di 1,5 tonnellate, un motore a due tempi a 2 cilindri con una capacità di 1,06 litri e una potenza di 4 CV, che consentiva una velocità massima di 12 km / h. Il camion costò 4.600 marchi d'oro e fu venduto a Londra . Seguirono altri tipi di camion fino a 10 CV e fino a 5 tonnellate di carico utile. Ha inoltre sviluppato e costruito autopompe antincendio motorizzate, una macchina mobile per segare e spaccare con un motore Daimler, un veicolo leggero e Daimler-Lokomobile insieme a Wilhelm Maybach .

Anche attivo nei primi giorni della costruzione di camion era un altro "padre" dell'automobile, Carl Benz . Dopo aver progettato un autobus a motore nel 1895, nel 1900 ha presentato il suo primo camion.


Benz trucks dal 1912
Un altro pioniere significativo della costruzione di veicoli commerciali fu Heinrich Büssing , che nel 1903 fondò la Heinrich Büssing, fabbrica speciale per autoveicoli, autobus e motori a Braunschweig , e iniziò la produzione di massa di camion nello stesso anno. L'azienda di Büssing è anche considerata l'inventore delle sospensioni pneumatiche, il motore a pavimento (soprattutto negli autobus oggi ancora diffusi) e il bus di collegamento.

Subito dopo l '"invenzione" del carrello, emerse un gran numero di produttori di veicoli commerciali (analogo al settore delle autovetture), la maggior parte dei quali prodotti solo su piccola scala e spesso scomparve dal mercato nel giro di pochi anni.

Vedi anche : Elenco dei produttori di veicoli commerciali
Modifica
sul posto di lavoro

Posto di lavoro di un camion Volvo (dal 2001)
Gli autocarri nel trasporto locale di solito hanno solo una cabina di lunghezza corta o media con sedili e poco spazio di archiviazione. In linea di principio, tutte le classi di peso fino a 40 tonnellate sono rappresentate anche nel traffico locale e di distribuzione, ma per lo più i veicoli medio pesanti sono utilizzati fino a 12 tonnellate di peso totale e molto spesso 7,5 tonnellate. In relazione alle dimensioni del veicolo più piccolo, in particolare quest'ultimo, spesso dal motore più piccolo, ha una posizione più bassa sul sedile del telaio, una cabina più piccola nel complesso e sono anche meno confortevoli equipaggiati come veicoli a lunga percorrenza. Molti veicoli nel traffico locale hanno nella parte posteriore di un portellone idraulico che consente il carico e lo scarico a livello stradale in luoghi senza rampe di carico appropriate e quando chiuso agisce come una parete posteriore della struttura o questa z. T. sostituito. Questi veicoli leggeri e medi sono spesso usati con i rimorchi.

Nei camion a lunga percorrenza sono disponibili cabine più grandi con poltrone reclinabili montate dietro i sedili. Queste cabine, chiamate anche cabina o cabina di guida, hanno dalla metà degli anni '90, spesso un tetto rialzato, in modo che le persone più grandi possano stare in piedi all'interno e fornire ulteriore spazio per gli effetti personali del camionista. Dato che i veicoli a motore nel traffico a lunga distanza spesso fungono da sala ricreativa durante i periodi di riposo e riposo, l'attrezzatura migliore rispetto ai lavori "puri" del Nahverkehrsfahrzeuge ha senso. Per i veicoli di trasporto pubblico più piccoli, tuttavia, una cabina da incasso più bassa è anche vantaggiosa perché nel traffico di distribuzione sono necessarie frequenti entrate e uscite e il conducente deve superare la differenza di altezza tra il livello stradale e la cabina così spesso.



Modifica
attrezzatura tecnica

Cummins Engine Truck Engine (2008)
6 cilindri , 6,7 litri , 224 kW , High Common Rail Rail System, NLC , Euro 5 (2008)

Motore diesel sei cilindri in linea di un Mercedes-Benz Actros

Sottostruttura di un modello Scania serie R
Negli ultimi anni ci sono stati vari miglioramenti tecnici, come ad esempio. Come trasmissioni automatizzate che facilitano notevolmente il lavoro del conducente e che i freni ( freni a disco invece dei freni a tamburo ) aumentano la sicurezza dei veicoli pesanti riducendo le distanze di frenata. Nel campo dei motori , l'attenzione per decenni si è concentrata principalmente sull'aumento delle prestazioni, talvolta richiesto dalla legge, nonché sulla riduzione del consumo di carburante. A partire dagli anni '90, le emissioni inquinanti (tra le altre cose dovute all'introduzione degli standard di emissione dei gas di scarico ) hanno anche svolto un ruolo crescente nell'ulteriore sviluppo dei motori dei veicoli commerciali. I migliori valori dei gas di scarico devono essere pagati con un consumo leggermente più elevato, che il legislatore cerca di compensare mediante una corrispondente normativa fiscale, che favorisce valori di emissione migliori.

Drive motor
edit
Nei primi giorni della costruzione di camion, i motori a benzina con benzina come combustibile erano all'avanguardia. Nel Regno Unito furono persino usati fino agli anni '30, macchine a vapore .

Oggi quasi dimenticato, sono stati costruiti accanto a esso dal 1900 circa alla prima guerra mondiale numerose autovetture e camion di distribuzione con motore elettrico e accumulatore di piombo , isolati anche ancora z. B. per la consegna del pacco dell'ufficio postale fino al 1977 circa a Linz . Dal 2009, anche i veicoli elettrici pesanti sono stati utilizzati nelle operazioni portuali a Los Angeles . [14]

Mentre i motori a testa incandescente semplici e robusti erano adatti solo per macchine agricole e trattori a bassa velocità, i motori diesel compatti con motori a iniezione a camera furono sviluppati solo dal 1909, ma inizialmente offrivano scarso vantaggio ai veicoli e venivano principalmente utilizzati come motori diesel marini (vedere Motori diesel per la Marina imperiale ). Fu solo negli anni '20 che i motori diesel più leggeri e potenti per veicoli terrestri cominciarono a conquistare il mercato. La svolta tecnologica arrivò nel 1931 con l' iniezione di camera a vortice sviluppata da Harry Ricardo , così che i motori diesel prevalevano grazie al minor consumo di carburante e ai costi di manutenzione dei veicoli commerciali. Erano lì da diversi decenni sia raffreddati ad acqua che raffreddati ad aria (quest'ultimo in Germania, in particolare Magirus-Deutz ) e funzionavano come motore a quattro tempi e motore a due tempi (quest'ultimo in Germania per molti anni, ad esempio, Krupp ). Oltre agli usi speciali in regioni molto fredde, il motore diesel a quattro tempi con iniezione diretta e turbocompressore (turbodiesel) è diventato il motore dominante del carrello.

Soprattutto a causa della mancanza di carburante durante l' economia bellica durante la seconda guerra mondiale , a volte venivano costruiti autocarri e altri veicoli commerciali con motore a vapore e motore a legna e gassificatore di legna come combustibile e utilizzati fino al dopoguerra in Germania .

Alla fine degli anni '60, vari produttori sperimentarono le turbine a gas : un prototipo Magirus-Deutz del 1968 fu il primo autocarro turbo tedesco; I veicoli sperimentali di altri produttori con questa tecnica sono seguiti in seguito. Sebbene le turbine a gas siano in grado di offrire un'alta densità di potenza in un design compatto, non raggiungono l' efficienza dei motori a pistoni con un consumo specifico di carburante, soprattutto a carico parziale . Pertanto, ad eccezione dell'aviazione, sono stati utilizzati come standard solo in alcuni carri armati principali, come gli Stati Uniti M1 Abrams o il russo T-80 , che sono noti per il loro consumo estremamente elevato di carburante.

Telaio e cambio powertrain
La sospensione (e lo smorzamento) è stata per un lungo periodo di solito dai pacchetti di molle a balestra che agiscono progressivamente. Dalla fine degli anni '60, le sorgenti aeree si sono gradualmente affermate, consentendo anche il controllo di livello ; importante, ad esempio, quando si prelevano e lasciano cadere le casse mobili. Nei veicoli da cantiere, la sospensione delle foglie, che può sopportare carichi più elevati nel lungo periodo, è ancora oggi comune.

Il telaio dei camion viene solitamente realizzato nella costruzione del telaio. Su questa cornice, vengono posizionate le varie strutture. Per scopi speciali, ci sono anche telai tubolari centrali che si estendono molto a valle, ad esempio per i trasportatori di bevande.

Modifica dei
freni
I freni del carrello sono azionati con aria compressa (i cosiddetti freni di potenza). Pertanto, la forza frenante ottenibile non dipende dalla forza del piede del guidatore, ma solo dal modo in cui il pedale del freno viene premuto. Quando il freno a mano (freno di stazionamento) della forza del pedale, e diversamente dalla macchina, questo freno viene rilasciato pressurizzando il cilindro del freno. Pertanto, in caso di difetto (perdita di pressione), viene escluso il guasto completo del freno e il veicolo viene frenato automaticamente. Dagli anni '80, i veicoli devono avere un sistema di frenatura antibloccaggio (ABS). Mentre i freni a tamburo per camion e rimorchi erano standard fino agli anni '90, i freni a disco sono stati sempre più utilizzati su autocarri pesanti e rimorchi sin dalla metà degli anni '90.

Inoltre, al fine di ridurre l'usura pesante dell'azione meccanica direttamente sulle ruote con i pesi elevati da gestire, la forza frenante del motore viene utilizzata regolarmente, specialmente nelle discese più lunghe. Soprattutto nelle applicazioni in montagna o in montagna, i camion pesanti sono spesso dotati di un freno supplementare, quasi privo di usura, silenzioso e durevole, il cosiddetto freno di rallentamento .

Sistema di scarico,
modifica del
controllo del rumore
Oltre ai soliti silenziatori ad assorbimento, attualmente ci sono nuovi silenziatori che lavorano con anti- rumore in fase di sviluppo. Questi sono tecnicamente in grado di ridurre il suono rispetto ai classici silenziatori fino a 20 dB (A) [16] . Una riduzione del rumore di 20 dB (A) è percepita dall'uomo come una riduzione del rumore a un quarto. Usando questa tecnologia possono essere i prossimi autocarri pesanti e le moto potenti che rendono silenziosa la macchina silenziosa attuale.

I silenziatori elettronici sono più piccoli e più leggeri dei silenziatori classici. La riduzione della pressione di ritorno di circa il 35% [19] ha l'effetto sia di aumentare le prestazioni o di ridurre il consumo di carburante e le emissioni di CO 2 . [20] Il primo attivo con marmitta silenziatore attivo è già usato occasionalmente in auto costose.

Modifica
assi e pneumatici

Treno stradale

Semirimorchio ribaltabile con pneumatici gemellati

Camion con cinque assi, di cui tre assi sterzanti e un asse sollevabile

veicolo a due vie
A seconda delle loro dimensioni, i camion di solito hanno due, tre o quattro assi , con veicoli a uno o tre e quattro assi che di solito sono anche in grado di guidare entrambi gli assali posteriori e anche i primi veicoli a quattro assi sono in grado di guidare i due assali anteriori. In rari casi, gli assali posteriori possono anche essere ruotati, per cui gli assi motore non sono regolarmente orientabili. Come nel caso delle autovetture, ci sono anche camion con trazione integrale, nel traffico commerciale, specialmente nei veicoli da costruzione, in particolare in quelli militari e in alcuni casi veicoli speciali e antincendio.

Viene fatta una distinzione tra i tipi di assi secondo l' asse sterzante , l' asse motore e gli assi supplementari , che comprende anche gli assi di un semirimorchio per rimorchio o semirimorchio . Oltre al tipo di asse, i pneumatici hanno anche profili diversi per il tipo di applicazione.

L' asse sterzante ha il compito di guidare l'intero camion e di trasmettere grandi forze frenanti soprattutto nel treno articolato. Viene fornito con il cosiddetto Lenkachsreifen con un profilo longitudinale pronunciato e scanalature trasversali moderatamente progettate. Questi pneumatici sono spesso contrassegnati con la lettera S nella designazione del tipo (per scopi di guida - ad es. " Goodyear Marathon LHS", " Continental HSC" ). Ulteriori lettere della designazione del pneumatico indicano l'uso previsto come traffico a lunga distanza (L) o pneumatici per cantiere (C per costruzione ). La H for heavy indica uno pneumatico per veicoli commerciali pesanti. Le designazioni del tipo per altri assi e applicazioni sono generalmente basate sullo stesso schema.
L' asse motore trasporta il maggior carico sull'asse. Trasmette non solo la forza motrice con treni semirimorchi carichi ma anche la massima potenza frenante. Gli pneumatici sono quindi utilizzati sulle loro ruote, che hanno un profilo pronunciato a forma di aletta - spesso con identificazione M + S (profilo invernale). Questi di solito recano il codice di posizione D per il comando (ad es. " Michelin XDA" ) nella designazione del pneumatico.
Assi aggiuntivi possono avere come asse di traino , asse principale o asse finale il compito di distribuire il peso del veicolo e di trasmettere più potenza frenante. Se l'asse aggiuntivo tra l'asse sterzante e l'asse motore è collegato, si parla di un asse anteriore. Per migliorare il raggio di sterzata , un asse anteriore può anche essere progettato come un asse sterzante. Se l'asse aggiuntivo è montato dietro l'asse motore, questo è chiamato assale posteriore. I pneumatici con un serpente o un profilo a zigzag sono usati qui.
Un asse sollevabile è un assale supplementare sollevabile, che viene abbassato solo a carichi pesanti per distribuire il peso del veicolo in modo più uniforme a terra. Con poco o nessun carico, questo asse può quindi essere sollevato. Da un lato, per prevenire l'usura, specialmente sulle gomme in curva, dall'altro è necessario aumentare il carico sull'asse o sugli assi condotti per una migliore aderenza su strada.
I pneumatici di un camion sono basati sull'assale, il che significa che ci sono diversi profili di base a seconda del tipo di asse. Mentre gli assali sterzanti sono semplicemente smerigliati, i pneumatici a doppia ruota vengono principalmente utilizzati su assali per camion. A questo scopo, due ruote sono imbullonate insieme. I fuoristrada speciali hanno - per una Aufstandsbasis più ampia - sull'assale posteriore di solito solo un singolo pneumatico . Negli anni '90, gli pneumatici larghi per il controllo del peso del cerchione venivano sostituiti con pneumatici gemellati, che vengono utilizzati solo per i trasportatori di grandi volumi con pneumatici di dimensioni inferiori. Inoltre, vi sono pneumatici speciali per rimorchi o rimorchi (codice di posizione T per molti produttori, ad esempio "Marathon LHT", "Conti HTL" ), che assomigliano ai pneumatici dell'asse sterzante nella foto del profilo, ma difficilmente hanno forze di governo da trasmettere.

Occorre inoltre fare una distinzione se un pneumatico è utilizzato nel traffico locale, regionale o a lunga distanza, nonché per i cantieri edili o per il fuoristrada pesante, poiché i pneumatici hanno diversi indici di velocità e capacità di carico in aggiunta alle diverse immagini del profilo. I carichi che agiscono su un pneumatico di un camion della spazzatura sono diversi da quelli di un camion a lungo raggio, perché il camion della spazzatura non funziona ad alta velocità nel traffico urbano, ma è gravato da frequenti giri, partenze e freni, mentre i pneumatici a lungo raggio per diverse ore è esposto a velocità elevate quasi costanti. In quest'ultimo caso anche le richieste molto elevate sono poste su buone proprietà di tracciamento, mentre in un sito le gomme a loro volta hanno buone proprietà di adesione in primo piano.

In contrasto con la macchina , un camion è spesso equipaggiato con un pneumatico per tutte le stagioni e non ha pneumatici diversi per l'estate e l'inverno. I pneumatici di un camion sono soggetti a velocità inferiori a causa del loro grande diametro e della bassa velocità del carrello. Il requisito della mescola più dura per velocità più elevate non regge a questo, ma a quello di un profilo più grossolano che funziona meglio nella neve. Se un camion rimane bloccato su una strada sdrucciolevole in inverno, può essere perché sta viaggiando su pneumatici estivi, o non è o è solo leggermente carico. Se il guidatore emette troppo gas, le ruote gireranno e avrà solo una piccola presa tra la ruota e la superficie stradale. In questo caso, un conducente responsabile tira su catene da neve o ferma il viaggio in tempo utile.

In Austria, per i camion cisterna di merci pericolose (a causa dell'elevato potenziale di rischio) i rivelatori per la perdita di pressione dei pneumatici sono da tempo standard e per qualche tempo anche Schleuderkettensysteme sul dovere degli assi di trasmissione, - ruotano in unità di rotazione - pezzi a catena corta nel punto di innesto ruota-terra.

Ci sono anche camion come veicoli speciali, che hanno ulteriori set di ruote per guidare su binari ferroviari . Uno quindi parla di un veicolo a due vie .




seconda dell'applicazione, soprattutto per quanto riguarda le proprietà speciali del carico, nel corso del tempo ha sviluppato una varietà di diversi tipi di corpo. In linea di principio, gli usi possibili sono limitati solo dalle dimensioni esterne massime e dai pesi complessivi. Approssimativamente, si può fare una distinzione tra sovrastrutture standard standard universalmente applicabili e sovrastrutture speciali per tipi speciali di merci, per compiti speciali e per scopi diversi dal trasporto merci commerciale.

Modifica di
costruzioni standard
Alcuni progetti comuni per merci alla rinfusa o una varietà di applicazioni sono ora ampiamente standardizzati o prevalgono in gran parte nello stesso modo, almeno nella progettazione di base. Questi includono aree di carico solide e aperte (cosiddette piattaforme ), scatole chiuse e strutture di serbatoi, che esistevano già al momento delle carrozze trainate da cavalli . Veicoli ribaltabili (prevalentemente destinati all'impiego nell'industria delle costruzioni ) sono da tempo stati creati con sovrastrutture progettate come piattaforme o pozzi ribaltabili, corpi isolanti e di raffreddamento e telai per accogliere contenitori sostituibili come contenitori . Questi sono (ad eccezione delle piattaforme ribaltabili) presenti anche nei vagoni merci ferroviari . Una definizione precisa delle strutture standard non è possibile, ma possono essere distinte da un lato in base alla loro distribuzione, dall'altro dal loro grado di specializzazione, ossia l'idoneità a trasportare molti tipi diversi (e non solo alcuni) di merci:

designazione spiegazione esempio
Pritschenaufbau Il design più semplice e allo stesso tempo il più universale è la piattaforma: la versione più originale della piattaforma è una semplice piattaforma di livello senza pareti laterali come area di carico sopra il telaio (che può essere trovata in rari casi oggi). Tuttavia, al fine di evitare che il carico scivoli o cada durante la guida, i pianali sono stati quasi sempre dotati di pareti laterali per lungo tempo. In generale, le pareti laterali sono piegate lateralmente e all'indietro allo scopo di facilitare il carico e lo scarico (bracken), mentre la parete laterale della nave è fissata in avanti e impedisce una tale interruzione della carica sulla cabina del conducente durante una frenata brusca. Nel linguaggio amministrativo, questo modulo viene anche definito "scatola aperta". Nella maggior parte dei casi, i corpi pianali installati permanentemente sono integrati oggi da un telone di camion supportato da un telone (la cosiddetta prua), che racchiude lo spazio di carico in avanti, indietro, lateralmente e verso l'alto, ma può essere aperto lateralmente e all'indietro. Ciò consente una protezione condizionale del carico contro tali influenze esterne. B. il tempo. I veicoli a pianale senza teloni vengono anche utilizzati per il trasporto di merci resistenti agli agenti atmosferici. I cassoni ribaltabili hanno un corpo a base piatta open-top con una piattaforma che può essere inclinata all'indietro e / o lateralmente (con le pareti laterali per aprire). Questi camion sono utilizzati principalmente per il trasporto di merci alla rinfusa resistenti agli agenti atmosferici come sabbia o terra scavata. Come forma speciale per il trasporto di beni più sensibili come B. I cereali a volte sono scatole chiuse dotate di aperture sul tetto per caricare e gestire strutture inclinabili o aperte dotate di teloni o soffitti per automobili, ma queste sono in realtà attribuibili agli organi speciali.

piattaforma fissa
costruzione con telone

piattaforma fissa
costruzione senza telone

corpo piano inclinabile

flatbed
Camion al lavoro
uso
Scatola chiusa L'area di carico è completamente chiusa da pareti piene e coperta. Principalmente, solo la parte posteriore è progettata sotto forma di porte, le pareti laterali sono solide. Meno comuni sono le porte laterali o completamente incernierate. Le sottospecie sono:
Furgone : lo spazio di carico completamente chiuso e coperto è collegato alla cabina di guida o eseguito come un'unità con cabina di guida. In Germania, questo design è ora comune solo per furgoni e furgoni. Fino all'inizio degli anni '70, tuttavia, era anche ampiamente usato nei camion, specialmente per i furgoni dei mobili. Questo tipo di carrozzeria è stato eliminato con l'emergere di cabine di guida ribaltabili, poiché la ribaltamento della cabina non è possibile con una struttura saldamente collegata.
Corpo della scatola : nel solito oggi, a causa della loro forma esteriormente separata come design della valigia designato della scatola a forma di esecuzione, lo spazio di carico completamente chiuso e coperto non è collegato alla cabina, ma solo posto sul telaio.
Autocarri refrigerati : per il trasporto di merci deperibili o legate a temperature di stoccaggio specifiche a causa delle loro proprietà chimiche, vengono solitamente utilizzati corpi scatolari o box, che sono inoltre dotati di un'unità di refrigerazione e di un isolamento . Raramente anche le navi cisterna sono dotate di unità di refrigerazione, queste sono comunemente indicate ma non come camion refrigerati.

Box van (qui: van mobili )

Kofferaufbau
petroliera I camion cisterna vengono utilizzati per il trasporto libero, cioè non riempiti in contenitori liquidi che vengono solitamente trasportati in grandi quantità non miscelati. Le strutture di serbatoi hanno spesso sottocategorie che non sono riconoscibili dall'esterno in più camere, da un lato per adattarsi a tipi diversi (benzina / olio combustibile / ...) allo stesso tempo e per ridurre lo sciabordio pericoloso in curva e in frenata anche con carico parziale. Solitamente sono caricati da coperchi dall'alto, scaricati attraverso tubi e pompe dall'alto o (più spesso) attraverso raccordi con prese e raccordi per tubi flessibili lateralmente o verso il basso. Per scaricare i combustibili nei serbatoi sotterranei è sufficiente l'effetto della gravità, una linea di ritorno separata "spola" la fase gas indietro. Una costruzione ha una sezione trasversale circolare, un'altra rettangolare curva. Carri armati notevolmente piccoli indicano un'alta densità del carico (come acido solforico , sangue animale). Per rimanere liquidi, il bitume diventa caldo, il grasso almeno protetto dal freddo, l' azoto liquefatto , d'altra parte, profondamente criogenico , e quindi tutti trasportati in modo termicamente isolato. I serbatoi per i gas liquidi propano / butano devono contenere circa 20 bar di vapore. Per i gas a 200 bar ad alta pressione esiste una costruzione speciale con un fascio di 9 cilindri lunghi in acciaio.

petroliera
Sistemi di trasporto per casse mobili Dalla fine degli anni '60 (originariamente proveniente dagli Stati Uniti ) ha diffuso l'uso di veicoli con corpi intercambiabili. A tale scopo, il telaio del camion è dotato di dispositivi di ricezione standardizzati distanziati e nella loro forma che trovano le loro controparti anche in contenitori standard, sostituibili:
Telaio per container : questa costruzione viene utilizzata per bloccare container ISO , che possono anche essere trasportati su vagoni container ferroviari , ma che vengono trasportati su navi internazionali, principalmente su navi , e che sono ora utilizzati per gestire gran parte del commercio mondiale. Oltre a questi container globalmente standardizzati, ci sono altri sistemi di container, in Germania z. B. contenitori ferroviari della Deutsche Bahn AG , che operano in linea di principio simili e si basano su una standardizzazione di contenitori e sistemi di trasporto. Poiché il contenitore che ricorda il container, ma ancor più universalmente applicabile nell'entroterra, ha stabilito negli ultimi decenni, il ...
Casse mobili (casse mobili) prevalentemente utilizzate in Germania e in parte nell'Europa occidentale: si tratta, come contenitori, di sistemi standardizzati di telai portanti (telai di camion o vagoni ferroviari) e di contenitori intercambiabili sostituibili. Contrariamente ai contenitori standard standardizzati , questi casse mobili o casse mobili hanno i loro supporti pieghevoli e pieghevoli, motivo per cui possono essere spostati su e giù ovunque nel traffico di camion senza l'ausilio di gru per container. Offrono anche un interno di dimensioni europee che è leggermente più grande del container da 20 piedi, adattato alle dimensioni e alle esigenze degli Stati Uniti.
Veicolo caricatore rimovibile : utilizzato per il trasporto di container roll-off (da non confondere con contenitori ISO ) o dispositivi mobili, ad es. B. per lo smaltimento di rifiuti ingombranti o la costruzione di macerie .
Mobiler : questa è una forma speciale del veicolo caricatore rimovibile con una tecnologia di movimentazione orizzontale per il traffico combinato su strada / ferrovia.
Caricatori laterali : Semirimorchi speciali per il trasporto e la gestione indipendente dall'infrastruttura di container ISO su vagoni ferroviari , chassis container e terreno

contenitore
trattore

Agganciare il dispositivo con contenitori roll-off
Organismi speciali per il trasporto merci commerciale
Modifica
Oltre alla costruzione di base o all'idoneità in gran parte identiche e adatte a un numero maggiore di strutture standard di merci diverse, sono emerse varie strutture speciali predestinate per determinati carichi. Questi sono solitamente dovuti alle proprietà speciali di questi prodotti, poiché si sono dimostrati utili per questi prodotti, almeno per un trasporto razionale ed economico. Le caratteristiche più importanti sono:

designazione spiegazione esempio
bisarca per il trasporto di veicoli. Viene fatta una distinzione tra i trasportatori di automobili chiusi e aperti.

bisarca
betoniera per il trasporto di calcestruzzo pronto all'uso nei cantieri

betoniera
furgoni Camion con corpo piano speciale per il trasporto di bevande al cliente finale

bevande
trasportatore
Glastransporter Costruzione speciale per il trasporto di lastre di vetro

Glastransporter
veicoli che trasportano materiale lunghi per carichi extra come le travi in ​​acciaio (queste sono ancora relativamente vicine ai normali veicoli a pianale)

Langmaterial-
veicolo
Il trasporto su lunga del legname Forma speciale del veicolo a lungo materiale, in cui il veicolo trainante e il rimorchio sono spesso collegati solo da un pacchetto di linea e non da un telaio fisso.Il pacchetto di linea di solito è costituito dalle linee di alimentazione aria, elettrica e idraulica. Questi sono in una specie di tubo simile a un vigile del fuoco, che è visibilmente sotto i tronchi tra il veicolo trainante e il rimorchio, l'unico Verbindung.Dieses a sua volta fissato a una corda che ha solo il compito di sospendere e guidare il pacco cavi e quindi nessun collegamento del treno. Lo sterzo manuale dei Nachläufers in virate strette con un volantino azionato precedentemente in pericolo per la vita di Schwigger , oggi tramite telecomando.

Il trasporto su lunga del legname
Dump Truck Gli autocarri con cassone ribaltabile sono una forma speciale di autocarro ribaltabile con pareti laterali non pieghevoli e particolarmente rinforzate, che sono adatte per carichi speciali z. B. utilizzato nel settore delle costruzioni. Oggi, si trovano prevalentemente nell'esecuzione di un semirimorchio con semirimorchio e cassone ribaltabile su di esso. Inoltre, ci sono anche camion con cassone ribaltabile sovradimensionati, che non hanno via legale e solo interni z. B. in cave o miniere . Le larghe nervature di rinforzo (in alluminio o acciaio) consentono lo scarico del motore per evitare il congelamento del carico bagnato.

Autocarro con cassone ribaltabile (qui: autocarro con cassone ribaltabile)
silo per materiali sfusi polverosi e colabili, spesso combinati con un dispositivo di posizionamento per inclinare il contenitore per lo svuotamento e dispositivi ad aria compressa per la fabbricazione e il trasporto di Fließend. I prodotti a bassa densità rendono i silos particolarmente voluminosi utili (per i fiocchi di soia fino a 60 m³)

silo
Caricatore basso così come camion grandi e pesanti Queste spesso superano le dimensioni massime o i pesi prescritti e richiedono pertanto permessi speciali. Il più grande camion pesante è il Scheuerle LS 250 "Howler", la z. B. è utilizzato dalla controllata ferroviaria Heavy Cargo + Service per i trasporti di trasformatori .

pesante
trasportatore
Trasportatore di bestiame o auto cassa per il trasporto di animali vivi

trasporto bestiame
Altre strutture speciali
modificano
Inoltre, per completezza, sono menzionate alcune altre costruzioni speciali, in cui il trasporto commerciale di merci (contrariamente alla definizione sopra del principio del carrello), tuttavia, non è lo scopo principale o non ha alcuna importanza. Di norma, questi veicoli sono anche coperti dal termine "camion" perché, di regola, i telai dei camion servono come base per questi veicoli speciali. Esemplare per una varietà di varianti sono:

designazione spiegazione esempio
ricuperatore per il recupero di veicoli lasciati o parcheggiati illegalmente

rimorchio
osare
Autokran per il sollevamento di carichi pesanti durante il carico e lo scarico di veicoli, nonché in cantieri e lavori di recupero dopo incidenti

Autokran
spedizione cellulare Autocarri per viaggi verso paesi o aree meno sviluppati, spesso con trazione integrale

spedizione cellulare
braccio articolato Molto variabile, utilizzabile anche come gru Hubarbeits- o Hubrettungsbühne per raggiungere altitudini elevate o luoghi non accessibili con Hubsteigern o scale a giradischi

braccio articolato
carrello veicolo speciale delle organizzazioni umanitarie, che è stato progettato per portare attrezzature estese per un compito nei cantieri

Rifornimento carrello attrezzature
Equipaggiamento veicolo Veicolo di emergenza di varie autorità e organizzazioni con compiti di sicurezza in Germania

Veicoli di equipaggiamento del THW
hubsteiger piattaforma di lavoro mobile per raggiungere i lampioni , le linee aeree , le gru , ecc., spesso al servizio delle autorità pubbliche e dei servizi pubblici

hubsteiger
inloader La piattaforma di carico stretta e ribassata è a forma di vasca rettangolare, si trova lateralmente tra l'altalena della ruota e può essere caricata dalla parte posteriore, dove il bordo di carico può essere abbassato per appoggiarsi sulla strada. Per fusti di cavi o pacchi di vetro piano fisso tenuti premendo da un lato (spesso anche come semirimorchi ).
spazzatrice per la pulizia delle strade

spazzatrice
Mannschaftstransportwagen Nell'esercito e nella polizia , oltre agli autobus , i camion sono talvolta dotati di sedili nell'area di carico per il trasporto di persone. I carrelli del personale sono utilizzati anche per scopi civili, ad es. B. quando in terreni accidentati molte persone devono essere trasportate (ad esempio nel settore minerario).

Mannschafts-
bambola
cucina mobile / cucina da campo per la fornitura di cibo a persone al di fuori di strutture fisse idonee (ad es. fuoristrada), principalmente nelle organizzazioni militari e di assistenza

Cucina mobile
camion della spazzatura per lo smaltimento dei rifiuti

camion della spazzatura
auto di pompaggio Costruzione di pompe e tubi lunghi e / o tubi per il pompaggio di liquidi (ad es. Di cemento liquido)

auto di pompaggio
Compensazione e diffusione del veicolo nel servizio invernale per liberare strade di ghiaccio e neve

Compensazione e diffusione del veicolo
Aspirazione e stampa auto Questo speciale tipo di camion cisterna viene utilizzato per lo svuotamento di fanghi e fosse settiche e per la pulizia delle fognature.

Aspirazione e stampa auto
Macchine semoventi Si tratta di macchine funzionanti montate su telai di camion come seghe, torri, ecc., Che dovrebbero essere mobili.

Macchina operatrice semovente con attrezzatura di perforazione
irrigatori Questa ulteriore forma speciale della cisterna può essere utilizzata per la pulizia delle strade e l' irrigazione .

irrigatori
autotorri come il paranco per raggiungere i lampioni , le linee aeree , le gru, ecc., spesso al servizio delle compagnie ferroviarie o delle operazioni di filobus

autotorri
OB Van Emittenti di trasmettitori radio

OB Van
negozio mobile per le vendite su strada di z. come cibo

negozio mobile
cannoni ad acqua Veicolo di polizia che può essere utilizzato come parte del lavoro di polizia per la protezione e la sicurezza di grandi eventi e manifestazioni, nonché per l'assistenza alla protezione civile o come veicolo ausiliario antincendio.

cannoni ad acqua
Questo elenco deve rimanere incompleto in linea di principio, dal momento che praticamente qualsiasi dispositivo tecnico o quasi qualsiasi costruzione può essere costruito fino a una certa dimensione e fino a un certo peso su un carrello per essere mobile. Esistono una varietà di corpi speciali z. Ad esempio:

Vigili del fuoco (vedi veicoli antincendio , autopompe antincendio in Germania , Austria e Svizzera ) ,
altri servizi ausiliari come THW , servizio di salvataggio
l' esercito (vedi sotto veicoli militari ) ,
Comuni , altre autorità e amministrazioni pubbliche,
il settore delle costruzioni ,
Anche aziende minerarie e di estrazione petrolifera
Società di smaltimento .
camion definizione 120px-2005-09-10_FG_Bel




https://de.wikipedia.org/wiki/Lastkraftwagen
camion definizione 220px-MAN_16-230FS_Kippsattelzug
Torna in alto Andare in basso
el magutt

el magutt

Messaggi : 4527
Data di iscrizione : 09.11.13
Età : 62
Località : leno lombardia brescia

camion definizione Empty
MessaggioTitolo: Re: camion definizione   camion definizione Icon_minitimeMar Lug 02, 2019 11:09 am

camion definizione AlfaRomeo2_LKW_1


camion definizione LKW_Wehrmacht_1940_%28RaBoe%29
camion definizione SKB_Bieberlies_und_Blitz-Lkw


[i

camion definizione DB_LKW_5_To_Pi


camion definizione Hanomag_LKW_der_Bundeswehr

camion definizione LKW_15t_milgl_MULTI_2_FSA_MAN



camion definizione Fiat690_1
Torna in alto Andare in basso
el magutt

el magutt

Messaggi : 4527
Data di iscrizione : 09.11.13
Età : 62
Località : leno lombardia brescia

camion definizione Empty
MessaggioTitolo: Re: camion definizione   camion definizione Icon_minitimeLun Set 30, 2019 7:22 pm

I camion sono classificati in due famiglie: quelli che usano un telaio rigido e quelli che hanno un telaio articolato. L'articolazione, posizionata tra il trattore e la benna, consente di ottenere una migliore mobilità.
Gli autocarri con cassone ribaltabile odierni trasportano sempre più materiale su terreni a volte difficili. Devono combinare molte qualità, come la capacità di resistere a carichi pesanti, una grande manovrabilità o un forte potere frenante!

Per conciliare tutti questi requisiti, è stato necessario apportare molti miglioramenti. Ad esempio, una sospensione ben progettata aiuta a mantenere un ritmo rapido anche su terreni accidentati. Quindi siamo arrivati ​​a progettare una sospensione tandem con un bilanciamento che consenta alle ruote di muoversi individualmente e garantire così una maggiore stabilità. Allo stesso modo, la cabina di guida offre una migliore visibilità e indicatori di controllo per una maggiore efficienza di guida.

La trasmissione, parte centrale del motore, deve essere per i camion di grande robustezza. Diciamo oggi "planetario", è un'ingegnosità formidabile per la massima potenza a tutte le velocità. La trazione è a quattro o sei ruote motrici su camion a sei ruote. La scelta viene fatta in base al terreno: le sei ruote motrici accettano pendenze ripide ma consumano di più e si consumano più velocemente.

I cilindri di inclinazione hanno aumentato la loro potenza in modo che la benna possa inclinarsi anche su un terreno in pendenza, in un tempo sempre più breve (circa 12 secondi). Infine, si pensava che la manutenzione del camion fosse la più spaziata nel tempo, per aumentare la disponibilità della macchina. I camion stanno diventando sempre più potenti e sicuri, accompagnando l'espansione della scala dei cantieri.camion definizione Aero1_cle293685-177-5d782

camion definizione Aero2_cle24fe99-83-09e16
Torna in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




camion definizione Empty
MessaggioTitolo: Re: camion definizione   camion definizione Icon_minitime

Torna in alto Andare in basso
 
camion definizione
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Camion per passione! :: In pausa... :: Mostra fotografica-
Vai verso: