Camion per passione!

Forum Italiano dei Camion
 
IndiceIndice  CercaCerca  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividi
 

 storia della gru

Andare in basso 
AutoreMessaggio
el magutt

el magutt

Messaggi : 4387
Data di iscrizione : 09.11.13
Età : 61
Località : leno lombardia brescia

storia della gru Empty
MessaggioTitolo: storia della gru   storia della gru Icon_minitimeSab Ott 05, 2019 2:44 pm

La storia dietro le grustoria della gru History-of-mechanical-cranes

Per secoli, archeologi e storici sono stati sconcertati da come fu costruita Stonehenge. La più grande delle pietre di Sarsen trasportate a Stonehenge pesa 50 tonnellate, il che significa che il trasporto in barca sarebbe stato impossibile. La leggenda narra che antichi druidi levitassero le pietre in posizione con i loro rituali eldritch.

La verità potrebbe essere un po 'meno eccitante, ma altrettanto interessante. La teoria prevalente è che le pietre sono state letteralmente trascinate usando una serie intricata di slitte, corde, rampe e leve
Le pietre delle Piramidi di Giza furono probabilmente issate in posizione simile. Le lastre "regolari" che i turisti vedono sulla superficie esterna delle piramidi sono 3 tonnellate ciascuna, ma le lastre di supporto più grandi pesano fino a 70 tonnellate. Pensi che sia impressionante? I Colossi di Memnon pesavano ciascuno 700 tonnellate ciascuno. In confronto, le gru a torre più comuni oggi hanno una capacità di sollevamento di sole 12-20 tonnellate e la maggior parte delle gru da costruzione arriva fino a 300 tonnellate.

Se volessi sollevare un carico di 700 tonnellate, avresti bisogno di qualcosa come una gru mobile Liebherr con una capacità di 1.200 tonnellate.

Per migliaia di anni, le persone hanno usato metodi innovativi per sollevare oggetti davvero pesanti e portarli dove sono necessari. Come dimostrato a Stonehenge, le Piramidi di Giza e innumerevoli siti antichi in tutto il mondo, la storia della gru è strettamente allineata con la storia dei limiti della forza dell'uomo.


La storia di The Crane

La nascita della gru è indissolubilmente legata alla nascita della puleggia, ideata per la prima volta dagli antichi mesopotamici già nel 1500 aC per il sollevamento dell'acqua. Le prime pulegge composte furono create da Archimede di Siracusa intorno al 287 - 212 a.C., che usò per sollevare un'intera nave da guerra, insieme al suo equipaggio.

storia della gru Who-invented-the-crane

L'avvento della puleggia composta ha contribuito enormemente allo sviluppo di gru meccaniche. Un singolo uomo che tira su un "Pentaspostos" (una gru con cinque pulegge), ad esempio, ha un vantaggio meccanico di 5: 1. In altre parole, esercitando una forza di 50 libbre, può tirare 250 libbre.

Naturalmente, la puleggia composta ha i suoi lati negativi. È fermo, immobile, temperato e ha velocità di sollevamento lente. In effetti, più pulegge ci sono, più lenta diventa la velocità di sollevamento. È necessario tirare più fune per far sì che un carico percorra la stessa distanza che avrebbe in una gru con meno pulegge. Inoltre, l'attrito rende inutilizzabile una puleggia composta con più di 5 parti.

Questi inconvenienti insormontabili portarono allo sviluppo degli argani e dei cabestani usati dai romani per costruire i loro templi. Il potere della rotazione circolare si diffuse rapidamente, il che naturalmente portò all'aumento dell'uso degli ingranaggi.

La gru a pedale mobile, che utilizzava pulegge composte, nonché argani e cabestani, è stata l'ultima di una lunga serie di gru a motore. Un singolo uomo che utilizza una gru a pedale mobile ha un vantaggio meccanico di 30: 1. Inventate dai romani, le gru a pedana mobile erano in uso fino alla fine del 17 ° secolo ed erano assolutamente essenziali nei porti e nella costruzione della cattedrale.
La storia della gru idraulica

Mentre le gru sono rimaste alimentate a mano per secoli, l'idraulica è andata costantemente migliorando. Con una storia che risale all'antico Egitto, alla Cina e alla Grecia, anche le macchine ad acqua (principalmente ruote idrauliche) erano in uso da migliaia di anni. Gli antichi sistemi di irrigazione, come gli acquedotti sviluppati dai romani, si basavano su una semplice tecnologia idraulica, come il sifonamento e il silenziamento dell'estrazione idraulica.

Ma non è stato fino al 15 ° secolo che Blaise Pascal ha studiato l'idrodinamica dei fluidi e l'idrostatica, inaugurando una nuova comprensione dei principi idraulici come la densità, la pressione e l'incomprimibilità dei fluidi. Ha inventato la pressa idraulica, la base dell'idraulica moderna.

Molto più tardi nel diciannovesimo secolo, l'ascesa delle industrie siderurgiche e dell'industrializzazione fece sì che le gru facessero finalmente il grande passaggio dal legno al ferro. La prima gru in ghisa fu costruita nel 1834, anno in cui fu inventata la fune metallica. E nel 1851, le gru a mano finalmente iniziarono a funzionare a vapore - il primo passo verso una gru veramente idraulica.

Gru idrauliche moderne

Oggi, le gru idrauliche sono costruite con specifiche migliori e con materiali migliori rispetto alle gru nel 1800, ma si basano sugli stessi principi meccanici e idraulici sviluppati secoli fa.

Le moderne gru idrauliche sono riempite con un fluido incomprimibile, solitamente olio, che trasferisce perfettamente la pressione tra i pistoni. Come mostrato nello schema sopra, un pistone master (che richiede meno forza per muoversi) viene spinto verso il basso contro un fluido, che spinge indietro sul pistone slave (che richiede più forza per muoversi).

storia della gru 4-hydraulic-advantage-300x268



Le variazioni su questo semplice sfruttamento dei movimenti fluidi ci hanno permesso di progettare colossi come la gru mobile Liebherr.

Il futuro delle gru?

Le moderne gru idrauliche possono spostarsi fino a 1.200 tonnellate, ed è difficile immaginare che ci sia un carico al mondo che possa mai superare quel limite. Ma, come la storia ha spesso dimostrato, c'è sempre spazio per miglioramenti.

H. Brown, Inc. serve Lafayette, Opelousas, Lake Charles, Alessandria, Baton Rouge e oltre. Disponiamo di gru fino a 450 tonnellate, rimorchi idraulici fino a 500 tonnellate, pianale ribassato fino a 220 tonnellate, carriponte fino a 900 tonnellate e sistemi di scorrimento fino a 600 tonnellate. Poiché H. Brown, Inc. gestisce una così vasta gamma di lavori di sollevamento, trasporto e sartiame, dobbiamo essere pieni di risorse per svolgere il nostro lavoro in sicurezza e con un budget limitato. Ed è quello che facciamo ogni giorno.

Tag: storia delle gru


SE È PER AGGANCIARLO, JACK, SCIVOLO, SPINGILO, TIRALO, ARROTOLALO, TIRALO, QUINDI LO FACCIAMO
Torna in alto Andare in basso
el magutt

el magutt

Messaggi : 4387
Data di iscrizione : 09.11.13
Età : 61
Località : leno lombardia brescia

storia della gru Empty
MessaggioTitolo: Re: storia della gru   storia della gru Icon_minitimeSab Ott 05, 2019 2:45 pm

All'inizio degli anni '40, Roy O. Billings, presidente della Milwaukee Hydraulics Corp., vide la necessità di una piccola gru mobile che fosse più sicura, più facile da usare e meno costosa delle pesanti gru azionate ad attrito del giorno. Con i sistemi idraulici più affidabili e ad alta pressione in arrivo, ha deciso di applicare questa nuova tecnologia al suo concetto. Ha progettato e costruito una gru idraulica montata su camion con un braccio telescopico e stabilizzatori azionati idraulicamente. Lo chiamò Hydrocrane e lanciò il primo modello - l'H-2 - nel 1946, come una delle prime gru idrauliche in assoluto in America. Era una macchina semplice e altamente mobile che divenne un successo immediato e alla fine dell'anno seguente ne aveva venduti circa 200.

L'H-2 Hydrocrane potrebbe sollevare due tonnellate in un raggio di 8 piedi e potrebbe essere montato su qualsiasi camion di due tonnellate. Potrebbe anche supportare una conchiglia azionata idraulicamente di un quarto di iarda. Le funzioni della gru erano completamente idrauliche con pompe azionate da una presa di forza dal motore del camion. Il movimento del paranco è stato derivato da una serie di arieti idraulici verticali che lavorano tra due blocchi di pulegge in più parti che estendono e ritraggono i cavi. Dalla sua cabina, l'operatore poteva controllare tutti i movimenti della gru, compresi gli stabilizzatori.
Il successo di Hydrocrane ha attirato l'attenzione di Bucyrus-Erie Co. (BE) nella vicina South Milwaukee, Wis. All'esame, l'ingegnere capo di BE, GY Anderson, ha elogiato la semplicità, la sicurezza e la mobilità della macchina. Ha notato in particolare gli stabilizzatori idraulici e i martinetti della macchina, che potrebbero essere "regolati così rapidamente e facilmente da essere sempre utilizzati, salvando il camion e le gomme e dando all'unità leggera una notevole stabilità". Il braccio telescopico era anche una caratteristica interessante, che consentiva alla macchina di svolgere compiti interni impossibili con gru normali o di sollevare carichi attraverso edifici con struttura in acciaio senza esplodere costantemente su e giù. Anderson ha anche osservato che "..la macchina sarebbe poco costosa da fabbricare e più sicura da operare in mani non qualificate rispetto alle gru convenzionali".

Di conseguenza, BE acquistò la Milwaukee Hydraulics Corp. nel 1948 e sviluppò ulteriormente il concetto di Hydrocrane in macchine più grandi. Nel 1951, BE sostituì l'H-2 con la macchina da tre tonnellate H-3 più robusta e pesante. L'H-3 non solo ha mantenuto la mobilità della macchina precedente, ma potrebbe anche funzionare come terna montata su camion nota come Hydrohoe. Una Hydrocrane più grande, la H-5 da nove tonnellate e una Hydrohoe da mezzo metro, apparvero nel 1955.

H-3 e H-5 sono stati prodotti di successo per BE (ora Bucyrus International). Nel corso degli anni, hanno ricevuto molti aggiornamenti ed erano così adattabili che sono durati nella linea di prodotti BE fino al 1981. A quel punto, l'H-3 era stato potenziato a cinque tonnellate di capacità e l'H-5 era aumentato fino a 15 tonnellate. Una serie di accessori ha permesso all'Hydrocrane di eseguire tutti i tipi di gru, a conchiglia e lavori di scavo. Oltre al consueto montaggio su camion, era disponibile come gru per carrozza gommata o come Hydrorailer, un'unità speciale che poteva essere guidata altrettanto bene su ferrovia o autostrada. Il successo e l'esperienza acquisita dall'Hydrocrane hanno aiutato Bucyrus a spianare la strada ai suoi più grandi escavatori idraulici montati su cingoli introdotti nel 1965.

Puoi leggere di più sull'evoluzione delle attrezzature per l'edilizia nel libro illustrato di Keith Haddock "L'Enciclopedia della Terra", disponibile nei negozi di libri. Inoltre, si consideri un abbonamento alla Historical Construction Equipment Association, www.hcea.net .

storia della gru Cex0403iron1
Torna in alto Andare in basso
el magutt

el magutt

Messaggi : 4387
Data di iscrizione : 09.11.13
Età : 61
Località : leno lombardia brescia

storia della gru Empty
MessaggioTitolo: Re: storia della gru   storia della gru Icon_minitimeSab Ott 05, 2019 2:47 pm


Il potere dell'acqua può essere sfruttato per fare ogni sorta di cose. Le ruote idrauliche sono state inventate migliaia di anni fa per trasformare le ruote del mulino per macinare il grano in farina e per alimentare le pompe per raccogliere l'acqua per l'irrigazione delle colture e per fornire acqua fresca alle città.


Quando l'acqua è contenuta in un tubo, possiamo usarlo per creare un movimento in linea retta usando un cilindro e un pistone. Il pistone ha una stretta scorrevolezza nel cilindro e quando l'acqua entra nel cilindro spinge il pistone lungo.

Questo metodo per applicare una FORZA e causare movimento si chiama Idraulica .

Ecco un video che mostra come è possibile produrre acqua nelle siringhe collegate da tubi per spostare una gru. Le siringhe sono i cilindri e i pistoni.

La gru idraulica fu inventata a Newcastle da William Armstrong nel 1845 circa per aiutare a caricare il carbone in chiatte presso la banchina. È stato un grande successo e le gru sono state vendute in tutto il mondo. La gru idraulica aiutò il Nord Est dell'Inghilterra a crescere e prosperare e, di conseguenza, Newcastle divenne una delle città più importanti del mondo.

Le gru sulla banchina erano alimentate ad acqua. L'uso dell'acqua nei cilindri per creare una forza per spostare le cose è chiamato "idraulica" e oggi viene usato un olio speciale chiamato "fluido idraulico" al posto dell'acqua.

Tutti i tipi di macchine usano l'idraulica: i freni delle auto; attuatori per ala e coda di aeroplano; Escavatori JCB ecc.
storia della gru The-first-hydraulic-crane

storia della gru Armstrong

Questo è un vecchio disegno di una delle gru idrauliche della banchina. I cilindri sono nascosti sotto il ponte della gru. Le estremità dei pistoni sono fissate a cavi e pulegge in acciaio in modo che possano causare l'avvolgimento del cavo principale e la rotazione della torre principale.


armstrong
Questo è William Armstrong da giovane ventenne, l'età in cui ha inventato la gru idraulica.
Torna in alto Andare in basso
el magutt

el magutt

Messaggi : 4387
Data di iscrizione : 09.11.13
Età : 61
Località : leno lombardia brescia

storia della gru Empty
MessaggioTitolo: Re: storia della gru   storia della gru Icon_minitimeSab Ott 05, 2019 2:48 pm

COS'È UNA GRU IDRAULICA? TNT CRANE & RIGGING SA CHE UNA GRU IDRAULICA È UN TIPO DI ATTREZZATURA PESANTE UTILIZZATA PER IL SOLLEVAMENTO E IL SOLLEVAMENTO. A DIFFERENZA DELLE GRU PIÙ PICCOLE, CHE SI BASANO SU MOTORI ELETTRICI O DIESEL, LE GRU IDRAULICHE INCLUDONO UN SISTEMA IDRAULICO INTERNO CHE CONSENTE ALLA GRU DI SOLLEVARE CARICHI PIÙ PESANTI. QUESTO SISTEMA IDRAULICO PIENO DI LIQUIDO CONSENTE ALLA GRU DI TRASPORTARE OGGETTI COME CONTAINER DA TRASPORTO PESANTI E RIMORCHI PER TRATTORI , CHE VANNO BEN OLTRE LE DIMENSIONI E LA PORTATA DI QUALSIASI ALTRO DISPOSITIVO DI SOLLEVAMENTO.

GRU IDRAULICHE

OGNI GRU IDRAULICA PUÒ AVERE UNA CABINA DELL'OPERATORE CHIUSA POSTA SU UNA BASE D'ACCIAIO. QUESTI STILI DI GRU POSSONO ANCHE ESSERE MONTATI SULLA PARTE SUPERIORE DELLA CHASIS SU RUOTE O RULLI, MENTRE ALTRE GRU SONO FISSE. DALLA CABINA, L'OPERATORE CONTROLLA UN BRACCIO DI GRANDI DIMENSIONI NOTO COME BRACCIO. MOLTE GRU IDRAULICHE SONO DOTATE DI UN BRACCIO TELESCOPICO, CHE CONSENTE ALL'OPERATORE DI RAGGIUNGERE OGGETTI DA UNA DISTANZA MAGGIORE PERCHÉ IL BRACCIO PUÒ ESTENDERSI OLTRE LA LUNGHEZZA FISSA. CAVI, BLOCCHI E GANCI FISSATI AL BRACCIO POSSONO ESSERE UTILIZZATI PER SOLLEVARE O SOLLEVARE IN SICUREZZA DIVERSE APPARECCHIATURE.

IL MOTORE DELLA GRU ALIMENTA UNA POMPA IDRAULICA , CHE APPLICA PRESSIONE A UN OLIO O FLUIDO ALL'INTERNO DEL SISTEMA IDRAULICO. POICHÉ L'OLIO NON PUÒ ESSERE COMPRESSO, L'OLIO TRASFERISCE QUESTA FORZA APPLICATA AD ALTRE PARTI DELLA GRU. REINDIRIZZANDO QUESTA FORZA DOVE È NECESSARIO PER SOLLEVARE UN OGGETTO, I SISTEMI IDRAULICI AIUTANO AD AUMENTARE LA POTENZA E LE PRESTAZIONI.

LE GRU IDRAULICHE SONO CLASSIFICATE IN BASE ALLA LORO CAPACITÀ DI SOLLEVAMENTO TOTALE, CHE È UN FATTORE SIA DELLA LORO COSTRUZIONE CHE DELLA RESISTENZA DEL SISTEMA IDRAULICO. UNA GRU DA 10 TONNELLATE, AD ESEMPIO, PUÒ SOLLEVARE FINO A 10 TONNELLATE (9.070 KG). OGNI GRU IDRAULICA DEVE ESSERE SCELTA CON CURA IN BASE ALLE ESIGENZE DI UN PROGETTO SPECIFICO E IL SOLLEVAMENTO DI UN CARICO TROPPO PESANTE CAUSERÀ IL FALLIMENTO DELLA GRU.

DIVERSI DESIGN DI GRU IDRAULICHE CONSENTONO AGLI UTENTI DI ESEGUIRE PIÙ FACILMENTE ATTIVITÀ SPECIFICHE. QUELLI SU BINARI O RUOTE POSSONO ESSERE PIÙ ADATTI AI CANTIERI, MENTRE MOLTI CANTIERI NAVALI E MAGAZZINI FANNO AFFIDAMENTO SU GRU FISSE. GRU IDRAULICHE PIÙ PICCOLE POSSONO ESSERE TROVATE ANCHE A BORDO DI NAVI O PERSINO CAMION.

FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DELLE GRU IDRAULICHE

A CAUSA DELLE GRANDI DIMENSIONI E DELLA POTENZA DI UNA GRU IDRAULICA , TUTTI GLI OPERATORI DOVREBBERO SOTTOPORSI A UN INTENSO ADDESTRAMENTO DI SICUREZZA PER RIDURRE IL RISCHIO DI INCIDENTI. UNA GRU CHE SUBISCE GUASTI OPERATIVI POTREBBE METTERE A RISCHIO GLI OPERATORI O QUELLI VICINI A CAUSA DI INCENDI O CADUTE DI OGGETTI. GLI OPERATORI MAL ADDESTRATI POSSONO DIRIGERE IL BOOM VERSO EDIFICI VICINI O PERSINO PERSONE. LE GRU CHE NON SONO STATE INSTALLATE CORRETTAMENTE POSSONO PERSINO RIBALTARSI, CAUSANDO DANNI SU LARGA SCALA. SEBBENE NON TUTTE LE AREE RICHIEDANO UN ADDESTRAMENTO SULLA SICUREZZA , GLI INDIVIDUI O LE ORGANIZZAZIONI SPESSO SEGUONO UN CORSO DI FORMAZIONE PER RIDURRE AL MINIMO LA RESPONSABILITÀ E MASSIMIZZARE LA SICUREZZA.storia della gru TNTImage1280-621-1024x497
Torna in alto Andare in basso
el magutt

el magutt

Messaggi : 4387
Data di iscrizione : 09.11.13
Età : 61
Località : leno lombardia brescia

storia della gru Empty
MessaggioTitolo: Re: storia della gru   storia della gru Icon_minitimeSab Ott 05, 2019 2:49 pm

Le gru idrauliche possono essere comuni oggi, ma negli ultimi anni '40 la maggior parte delle gru erano ancora azionate per attrito. Roy Billings, presidente di Milwaukee Hydraulics Corp., vide un'opportunità per migliorare la portabilità, la sicurezza e la difficoltà di utilizzare le gru usando l'idraulica, e nel 1946 Milwaukee Hydraulics aveva sviluppato la prima gru idraulica americana.

La prima gru prodotta dall'azienda fu l'H-2 Hydrocrane. La società ha venduto 200 gru H-2 nel primo anno in cui erano sul mercato, secondo ConstructionEquipment.com . L'H-2 poteva essere montato sul pianale di qualsiasi camion da 2 tonnellate dove poteva sollevare due tonnellate. La gru presentava anche un raggio di 8 piedi e comprendeva stabilizzatori idraulici e un braccio telescopico. Potrebbe anche essere dotato di una conchiglia idraulica di un quarto di iarda. Le pompe idrauliche della gru erano alimentate a presa di forza e azionate dal motore del camion. Tutti i movimenti della gru, compresi gli stabilizzatori, possono essere controllati dall'operatore della gru dall'interno della cabina.

L'immediata popolarità dell'H-2 ha attirato l'attenzione degli ingegneri della Bucyrus-Erie Co. nel sud di Milwaukee. L'ingegnere capo di Bucyrus-Erie fu particolarmente colpito dall'H-2 - in particolare il braccio telescopico e gli stabilizzatori idraulici. Due anni dopo, nel 1948, Bucyrus-Erie acquistò Milwaukee Hydraulics e continuò a sviluppare la gru idraulica.

Seguirono presto versioni più grandi e potenti dell'H-2. L'H-3 sostituì l'H-2 originale nel 1951. La gru H-3 montata su camion era progettata per sollevare tre tonnellate, ma poteva anche essere usata come terna montata su camion. Nel 1955, fu introdotto un altro Hydrocrane. L'H-5 è stato in grado di vivere nove tonnellate e poteva essere dotato di una conchiglia da mezzo metro. H-3 e H-5 hanno continuato a essere migliorati, consentendo loro di sollevare più peso e accettare più attacchi. Entrambi i modelli hanno continuato a essere popolari man mano che l'evoluzione della gru idraulica ha continuato e sono stati prodotti per oltre un quarto di secolo prima di essere interrotti nel 1981.

Torna in alto Andare in basso
el magutt

el magutt

Messaggi : 4387
Data di iscrizione : 09.11.13
Età : 61
Località : leno lombardia brescia

storia della gru Empty
MessaggioTitolo: Re: storia della gru   storia della gru Icon_minitimeSab Ott 05, 2019 2:51 pm

Una gru è un dispositivo di sollevamento meccanico dotato di un avvolgitore, funi metalliche e pulegge che possono essere utilizzati per sollevare e abbassare materiali e spostarli orizzontalmente. Utilizza una o più macchine semplici per creare un vantaggio meccanico e quindi spostare i carichi oltre la normale capacità di un essere umano. Le gru sono comunemente impiegate nel settore dei trasporti per il carico e lo scarico di merci; nel settore delle costruzioni per la movimentazione dei materiali; e nell'industria manifatturiera per l'assemblaggio di attrezzature pesanti.
Le prime gru furono inventate dagli antichi greci e furono alimentate da uomini o bestie da soma, come gli asini . Queste gru sono state utilizzate per la costruzione di edifici alti. Più tardi, furono sviluppate gru più grandi, impiegando l'uso di pedane mobili umane, permettendo il sollevamento di pesi più pesanti. Nell'alto medioevo, le gru portuali furono introdotte per caricare e scaricare navi e aiutare nella loro costruzione - alcune furono costruite in torri di pietra per una maggiore resistenza e stabilità. Le prime gru furono costruite in legno, ma ghisa e acciaio presero il sopravvento con l'avvento della rivoluzione industriale .

Per molti secoli, l'energia è stata fornita dallo sforzo fisico di uomini o animali, sebbene i paranchi nei mulini ad acqua e nei mulini a vento potessero essere guidati dall'energia naturale sfruttata. La prima potenza "meccanica" fu fornita dai motori a vapore , la prima gru a vapore fu introdotta nel XVIII o nel XIX secolo, e molti rimasero in uso fino alla fine del XX secolo. Le gru moderne di solito usano motori a combustione interna o motori elettrici e sistemi idraulici per fornire una capacità di sollevamento molto maggiore di quanto fosse possibile in precedenza.
Le gru esistono in un'enorme varietà di forme, ognuna su misura per un uso specifico. Le dimensioni vanno dalle piccole gru a bandiera utilizzate all'interno delle officine alle gru a torre più alte utilizzate per la costruzione di grattacieli, e le più grandi gru galleggianti utilizzate per costruire piattaforme petrolifere e salvare navi affondate. Questo articolo riguarda anche le macchine di sollevamento come gru impilatrici e gru caricatrici che non si adattano strettamente alla definizione di gru di cui sopra.


Storia delle gru
Gru antiche greche

La gru per il sollevamento di carichi pesanti fu inventata dagli antichi Greci alla fine del VI secolo a.C. [1] La documentazione archeologica mostra che entro il c. Il 515 a.C. ritagli distintivi sia per pinze da sollevamento che per ferri da lewis iniziano ad apparire su blocchi di pietra di templi greci. Poiché questi fori indicano l'uso di un dispositivo di sollevamento e poiché si trovano al di sopra del baricentro del blocco o in coppie equidistanti da un punto sopra il baricentro, sono considerati dagli archeologi come il positivo prove necessarie per l'esistenza della gru. [1]

L'introduzione dell'argano e del paranco su puleggia porta presto a una diffusa sostituzione delle rampe come principale mezzo di movimento verticale. Per i successivi duecento anni, i cantieri greci hanno assistito a un brusco calo dei pesi gestiti, poiché la nuova tecnica di sollevamento ha reso più pratico l'uso di più pietre più piccole rispetto a quelle meno grandi. Contrariamente al periodo arcaico con la sua tendenza a dimensioni dei blocchi sempre crescenti, i templi greci dell'età classica come il Partenone presentavano invariabilmente blocchi di pietra di peso inferiore a 15-20 tonnellate. Inoltre, la pratica di erigere grandi colonne monolitiche fu praticamente abbandonata a favore dell'uso di diversi tamburi a colonna. [2]

Sebbene le circostanze esatte del passaggio dalla rampa alla tecnologia delle gru rimangano poco chiare, è stato affermato che le instabili condizioni sociali e politiche della Grecia erano più adatte all'impiego di piccoli team di costruzione professionali che di grandi corpi di lavoro non specializzato, rendendo la gru più preferibile alla polis greca rispetto alla rampa più ad alta intensità di lavoro che era stata la norma nelle società autocratiche dell'Egitto o dell'Assiria. [2]

La prima inequivocabile prova letteraria dell'esistenza del sistema di pulegge composte appare nei problemi meccanici ( Mech . 18, 853a32-853b13) attribuiti ad Aristotele (384-322 a.C. ), ma forse composti in una data leggermente successiva. Più o meno nello stesso periodo, le dimensioni dei blocchi nei templi greci iniziarono di nuovo a corrispondere ai loro predecessori arcaici, indicando che la puleggia composta più sofisticata doveva aver trovato la sua strada verso i cantieri greci da allora. [3]


Antiche gru romane


Ricostruzione di un Polispasto romano alto 10,4 m a Bonn, Germania (I)

Ricostruzione di un Polispasto romano alto 10,4 m a Bonn, Germania (II)
Il periodo di massimo splendore della gru nell'antichità passò sotto l' impero romano , quando l'attività di costruzione salì alle stelle e gli edifici raggiunsero dimensioni enormi. I romani adottarono la gru greca e la svilupparono ulteriormente. Siamo relativamente ben informati sulle loro tecniche di sollevamento grazie a resoconti piuttosto lunghi degli ingegneri Vitruvius ( De Architectura 10.2, 1-10) e Heron of Alexandria ( Mechanica 3.2-5). Ci sono anche due rilievi sopravvissuti delle gru a pedana romana che offrono prove pittoriche, con la lapide di Haterii della fine del primo secolo d.C. particolarmente dettagliata.

La più semplice gru romana, la Trispastos, consisteva in un braccio monotrave, un argano, una fune e un blocco contenente tre pulegge. Avendo così un vantaggio meccanico di 3: 1, è stato calcolato che un singolo uomo che lavora il verricello potrebbe sollevare 150 chilogrammi (kg) (3 pulegge x 50 kg = 150), supponendo che 50 kg rappresentino il massimo sforzo che un uomo può esercitare per un periodo di tempo più lungo. I tipi di gru più pesanti presentavano cinque pulegge (Pentaspastos) o, nel caso di quella più grande, un set di tre pulegge tre per cinque (Polyspastos) e venivano fornite con due, tre o quattro alberi, a seconda del carico massimo. Il Polyspastos, se lavorato da quattro uomini su entrambi i lati del verricello, poteva già sollevare 3000 kg (3 funi x 5 pulegge x 4 uomini x 50 kg = 3000 kg). Nel caso in cui il verricello sia stato sostituito da una ruota a pedale, il carico massimo è addirittura raddoppiato a 6000 kg con solo la metà dell'equipaggio, poiché la ruota a pedale presenta un vantaggio meccanico molto maggiore a causa del suo diametro maggiore. Ciò significa che, rispetto alla costruzione delle piramidi egiziane, dove erano necessari circa 50 uomini per spostare un blocco di pietra di 2,5 tonnellate sulla rampa (50 kg a persona), la capacità di sollevamento del Polispasto romano si è dimostrata 60 volte superiore (3000 kg a persona). [4]

Tuttavia, numerosi edifici romani esistenti che presentano blocchi di pietra molto più pesanti di quelli gestiti dal Polyspastos indicano che la capacità di sollevamento complessiva dei romani andava ben oltre quella di ogni singola gru. Nel tempio di Giove a Baalbek, per incidenza, i blocchi di architravi pesano fino a 60 tonnellate ciascuno e le cornici angolari bloccano anche oltre 100 tonnellate, tutte sollevate ad un'altezza di ca. 19 metri (m) dal suolo. [3] A Roma , il blocco di capitale della colonna di Traiano pesa 53,3 tonnellate che dovevano essere sollevate ad un'altezza di ca. 34 m. [5]

Si presume che gli ingegneri romani riuscirono a sollevare questi pesi straordinari con due misure: in primo luogo, come suggerito da Heron, fu istituita una torre di sollevamento, i cui quattro alberi erano disposti a forma di quadrangolo con lati paralleli, non diversamente da una torre d'assedio, ma con la colonna al centro della struttura ( Mechanica 3.5). [6] In secondo luogo, una moltitudine di cabestani furono posizionati a terra intorno alla torre, poiché, sebbene avessero un rapporto di leva inferiore rispetto alle ruote mobili, i cabestani potevano essere installati in numero più elevato e gestiti da più uomini (e, inoltre, da animali) . [7] Questo uso di più cabestani è anche descritto da Ammianus Marcellinus (17.4.15) in relazione al sollevamento dell'obelisco lateranense nel Circo Massimo (c. 357 CE ). La massima capacità di sollevamento di un singolo argano può essere stabilita dal numero di buchi di ferro di lewis annoiati nel monolito. Nel caso dei blocchi di architrave Baalbek, che pesano tra le 55 e le 60 tonnellate, otto fori esistenti suggeriscono una franchigia di 7,5 tonnellate per ferro lewis, vale a dire cabestano. [8] Il sollevamento di pesi così pesanti in un'azione concertata ha richiesto un grande coordinamento tra i gruppi di lavoro che applicano la forza ai cabestani.

Gru medievali
Durante l'Alto Medioevo la gru a pedale mobile fu reintrodotta su larga scala dopo che la tecnologia era caduta in disuso nell'Europa occidentale con la fine dell'Impero Romano d'Occidente. [9] Il primo riferimento a una pedana mobile (magna rota) riappare nella letteratura archivistica in Francia intorno al 1225, [10] seguita da una rappresentazione illuminata in un manoscritto di probabile origine anche francese risalente al 1240. [11] Nella navigazione, il primo gli usi delle gru portuali sono documentati per Utrecht nel 1244, Anversa nel 1263, Bruges nel 1288 e Amburgo nel 1291, [12] mentre in Inghilterra la ruota non è stata registrata prima del 1331. [13]

In generale, il trasporto verticale veniva effettuato in modo più sicuro ed economico con le gru che con i metodi tradizionali. I campi di applicazione tipici erano i porti, le miniere e, in particolare, i siti di costruzione in cui la gru a pedana mobile svolgeva un ruolo fondamentale nella costruzione delle alte cattedrali gotiche. Ciononostante, sia fonti archivistiche che pittoriche del tempo suggeriscono che le macchine di recente introduzione come le pedane mobili o le carriole non sostituiscono completamente i metodi più ad alta intensità di lavoro come scale, hod e carriole. Piuttosto, vecchi e nuovi macchinari hanno continuato a coesistere nei cantieri e nei porti medievali [14] . [12]

Oltre ai treadwheel, le raffigurazioni medievali mostrano anche che le gru sono alimentate manualmente da verricelli con raggi radianti, manovelle e dal XV secolo, anche da verricelli a forma di ruota di una nave. Per appianare le irregolarità dell'impulso e superare i "punti morti" nel processo di sollevamento, si sa che i volani sono in uso già nel 1123


origini
L'esatto processo con il quale è stata reintrodotta la gru a pedale mobile non è stato registrato [10], anche se il suo ritorno ai cantieri deve senza dubbio essere visto in stretta connessione con l'ascesa simultanea dell'architettura gotica. La ricomparsa della gru a pedale mobile potrebbe essere stata il risultato di uno sviluppo tecnologico del verricello dal quale la ruota a pedale si è evoluta strutturalmente e meccanicamente. In alternativa, il treadwheel medievale può rappresentare una reinvenzione deliberata della sua controparte romana attinta dal De architectureura di Vitruvio , che era disponibile in molte biblioteche monastiche. La sua reintroduzione potrebbe anche essere stata ispirata dall'osservazione delle qualità salvavita della ruota idraulica con la quale le prime ruote mobili condividevano molte somiglianze strutturali. [13]

Struttura e posizionamento
Il treadwheel medievale era una grande ruota di legno che ruotava attorno a un pozzo centrale con un treadway abbastanza largo da consentire a due lavoratori di camminare fianco a fianco. Mentre la precedente ruota "a compasso" aveva raggi guidati direttamente nell'albero centrale, il tipo più avanzato a "braccio di chiusura" presentava bracci disposti come accordi sul cerchione della ruota, [16] dando la possibilità di utilizzare un albero più sottile e di fornire quindi un maggiore vantaggio meccanico. [17]

Contrariamente a quanto si pensi comunemente, le gru nei cantieri medievali non erano né posizionate sui ponteggi estremamente leggeri usati all'epoca né sulle pareti sottili delle chiese gotiche, che erano incapaci di sostenere il peso sia della macchina di sollevamento che del carico. Piuttosto, le gru sono state collocate nelle fasi iniziali della costruzione sul terreno, spesso all'interno dell'edificio. Quando fu completato un nuovo piano e massicce travi del tetto collegavano le pareti, la gru fu smontata e rimontata sulle travi del tetto da dove veniva spostata da una baia all'altra durante la costruzione delle volte. [18] Pertanto, la gru "è cresciuta" e "ha vagato" con l'edificio, con il risultato che oggi tutte le gru edili esistenti in Inghilterra si trovano nelle torri della chiesa sopra la volta e sotto il tetto, dove sono rimaste dopo la costruzione dell'edificio per portare materiale per riparazioni in alto. [19] Meno frequentemente, le illuminazioni medievali mostrano anche gru montate all'esterno delle pareti con il supporto della macchina fissato a putlog. [20]

Meccanica e funzionamento

Gru a torre nel porto interno di Treviri dal 1413.
Contrariamente alle gru moderne, le gru e i paranchi medievali - proprio come le loro controparti in Grecia e Roma [21] - erano principalmente in grado di sollevare verticalmente e non erano abituati a spostare carichi per una considerevole distanza anche in orizzontale. [18] Di conseguenza, il lavoro di sollevamento è stato organizzato sul posto di lavoro in modo diverso rispetto ad oggi. Nella costruzione di edifici, ad esempio, si presume che la gru abbia sollevato i blocchi di pietra dal fondo direttamente in posizione, [18] o da un punto opposto al centro del muro da dove potrebbe consegnare i blocchi per due squadre che lavorano a ogni estremità del muro. [21] Inoltre, il comandante della gru che di solito impartiva ordini ai lavoratori del tapis roulant dall'esterno della gru era in grado di manipolare il movimento lateralmente con una piccola fune attaccata al carico. [22] Le gru a rotazione, che consentivano una rotazione del carico, erano quindi particolarmente adatte per i lavori portuali apparsi già nel 1340. [23] Mentre i blocchi bugnati venivano sollevati direttamente da un'imbracatura, un lewis o un morsetto del diavolo ( Teufelskralle tedesco), altri oggetti sono stati precedentemente collocati in contenitori come pallet, cestini, scatole di legno o botti . [24]

È interessante notare che le gru medievali raramente presentavano cricchetti o freni per impedire al carico di correre all'indietro. [25] Questa curiosa assenza è spiegata dall'elevata forza di attrito esercitata dai tapis roulant medievali, che normalmente impedivano alla ruota di accelerare senza controllo. [22]
Gru portuali

Gru portuali

Oltre la moderna nave da guerra si trova una gru costruita nel 1742, utilizzata per il montaggio di alberi su grandi navi a vela. Copenhagen, Danimarca
Secondo lo "stato attuale delle conoscenze" sconosciuto nell'antichità, le gru portuali fisse sono considerate un nuovo sviluppo del Medioevo. [12] La tipica gru portuale era una struttura girevole dotata di doppie ruote a pedale. Queste gru sono state posizionate ai lati del molo per il carico e lo scarico del carico, dove hanno sostituito o integrato i vecchi metodi di sollevamento come seghe, argani e cantieri. [12] Due diversi tipi di gru portuali possono essere identificati con una diversa distribuzione geografica: mentre le gru a cavalletto che ruotavano su un asse verticale centrale erano comunemente trovate sui porti fiamminghi e olandesi, sul mare tedesco e sui porti interni in genere presentavano gru a torre dove il verricello e le ruote mobili erano situati in una solida torre con solo braccio a bandiera e tetto rotante. [26] È interessante notare che le gru portuali non sono state adottate nella regione del Mediterraneo e nei porti italiani altamente sviluppati, dove le autorità hanno continuato a fare affidamento sul metodo più laborioso di scarico delle merci attraverso rampe oltre il Medioevo. [27]

A differenza delle gru da costruzione in cui la velocità di lavoro è stata determinata dal progresso relativamente lento dei muratori, le gru portuali di solito erano dotate di doppie ruote mobili per accelerare il carico. Le due ruote mobili il cui diametro è stimato a 4 m o più sono state fissate a ciascun lato dell'asse e ruotate insieme. [12] Oggi, secondo un sondaggio, quindici gru portuali a pedana mobile di epoca preindustriale sono ancora esistenti in tutta Europa. [28] Accanto a queste gru fisse, le gru galleggianti che potevano essere schierate in modo flessibile nell'intero bacino portuale entrarono in uso nel XIV secolo. [26]

Principi meccanici

Gru che aiutano a costruire un palazzone a Melbourne, in Australia
Ci sono due considerazioni principali che vengono prese in considerazione nella progettazione delle gru. Il primo è che la gru deve essere in grado di sollevare un carico di un peso specificato e la seconda è che la gru deve rimanere stabile e non ribaltarsi quando il carico viene sollevato e spostato in un'altra posizione.

Capacità di sollevamento

Le gru illustrano l'uso di una o più macchine semplici per creare un vantaggio meccanico.

La leva: una gru di equilibrio contiene una trave orizzontale (la leva ) ruotata attorno a un punto chiamato fulcro . Il principio della leva consente a un carico pesante attaccato all'estremità più corta della trave di essere sollevato da una forza minore applicata nella direzione opposta all'estremità più lunga della trave. Il rapporto tra il peso del carico e la forza applicata è uguale al rapporto tra le lunghezze del braccio più lungo e del braccio più corto ed è chiamato vantaggio meccanico.
La puleggia: una gru a bandiera contiene un puntone inclinato (il braccio ) che supporta un blocco puleggia fissa. I cavi vengono avvolti più volte attorno al blocco fisso e attorno a un altro blocco attaccato al carico. Quando l'estremità libera del cavo viene tirata a mano o da una macchina avvolgitrice, il sistema di carrucole eroga una forza al carico pari alla forza applicata moltiplicata per il numero di lunghezze del cavo che passa tra i due blocchi. Questo numero è il vantaggio meccanico.
Il cilindro idraulico: può essere utilizzato direttamente per sollevare il carico (come con un HIAB) o indirettamente per spostare il braccio o la trave che trasporta un altro dispositivo di sollevamento.

Gru che costruisce un edificio a Kansas City.
Le gru, come tutte le macchine, obbediscono al principio di conservazione dell'energia . Ciò significa che l'energia fornita al carico non può superare l'energia immessa nella macchina. Ad esempio, se un sistema di pulegge moltiplica la forza applicata per dieci, il carico si sposta solo di un decimo della forza applicata. Poiché l'energia è proporzionale alla forza moltiplicata per la distanza, l'energia di uscita viene mantenuta all'incirca uguale all'energia di ingresso (in pratica leggermente inferiore, poiché parte dell'energia viene persa per attrito e altre inefficienze).

Stabilità della gru

Affinché una gru sia stabile, la somma di tutti i momenti su qualsiasi punto come la base della gru deve essere pari a zero. In pratica, l'entità del carico che può essere sollevato (chiamato "carico nominale" negli Stati Uniti) è un valore inferiore al carico che causerà il ribaltamento della gru. Secondo gli standard statunitensi per le gru mobili, il carico nominale limitato alla stabilità per una gru cingolata è pari al 75% del carico di ribaltamento. Il carico nominale limitato alla stabilità per una gru mobile supportata su stabilizzatori è dell'85 percento del carico di ribaltamento.

Tipi di gru
Gru ferroviarie


Gru ferroviaria diesel per lavori di manutenzione - Tampa, Florida.
Una gru per ferrovia è una gru con ruote flangiate, utilizzata dalle ferrovie. La forma più semplice è solo una gru montata su un vagone ferroviario o su un vagone piatto. I dispositivi più capaci sono appositamente progettati.

Diversi tipi di gru vengono utilizzati per lavori di manutenzione, operazioni di recupero e carico merci nei depositi merci.

Gru mobile

Il tipo più elementare di gru mobile è costituito da una capriata d' acciaio o un braccio telescopico montato su una piattaforma mobile, che può essere su rotaia, su ruote (compresi i trasportatori " camion ") o cingoli. Il braccio è incernierato nella parte inferiore e può essere sollevato e abbassato tramite cavi o cilindri idraulici. Un gancio è sospeso dalla parte superiore del braccio mediante fune metallica e pulegge. Le funi metalliche sono gestite da qualsiasi motore principale i progettisti abbiano a disposizione, operando attraverso una varietà di trasmissioni. Sono stati utilizzati motori a vapore , motori elettrici e motori a combustione interna (IC). Le trasmissioni delle gru più vecchie tendevano ad essere frizioni. Questo è stato successivamente modificato quando si utilizzavano motori IC per abbinare la "coppia massima a velocità zero" dei motori a vapore con l'aggiunta di un elemento idrocinetico che culmina in convertitori di coppia controllati. I vantaggi operativi di questa disposizione possono ora essere raggiunti dal controllo elettronico degli azionamenti idrostatici, che per dimensioni e altre considerazioni sta diventando standard. Alcuni esempi di questo tipo di gru possono essere convertiti in una gru da demolizione aggiungendo una palla da demolizione o in un movimento terra aggiungendo un secchio a conchiglia o una linea di trascinamento e una paletta, sebbene i dettagli di progettazione possano limitarne l'efficacia.

Per aumentare la portata orizzontale del paranco, è possibile estendere il braccio aggiungendo un braccio nella parte superiore. Il braccio può essere riparato o, in gru più complesse, essere impennato (cioè può essere sollevato e abbassato).


Una gru telescopica che smantella una gru a torre da 40 m a Cambridge, Regno Unito.
Gru telescopica

Una gru telescopica ha un braccio costituito da una serie di tubi montati uno dentro l'altro. Un meccanismo idraulico o di altro tipo estende o ritrae i tubi per aumentare o ridurre la lunghezza totale del braccio. Questi tipi di aste vengono spesso utilizzati per progetti di costruzione a breve termine, lavori di salvataggio, sollevamento di imbarcazioni dentro e fuori dall'acqua e così via. La relativa compattezza dei bracci telescopici li rende adattabili a molte applicazioni mobili.

Gru


Sei gru a torre che costruiscono edifici a Canon's Marsh, Bristol, Inghilterra .

Contrappesi concreti su una gru a torre Cape Town , Sudafrica .

Un albero "jack up" che sostiene una gru a torre. L'elemento interno viene spostato verso l'alto con martinetti e una nuova sezione esterna viene assemblata attorno alla parte esposta.
La gru a torre è una forma moderna di bilancia. Fissate al suolo (o "sollevate" e supportate dalla struttura durante la costruzione della struttura), le gru a torre spesso offrono la migliore combinazione di altezza e capacità di sollevamento e vengono utilizzate nella costruzione di edifici alti. Per risparmiare spazio e fornire stabilità, la parte verticale della gru è spesso rinforzata sulla struttura completa che è normalmente l'albero di sollevamento in cemento al centro dell'edificio. Un braccio orizzontale è bilanciato asimmetricamente attraverso la cima della torre. Il braccio corto trasporta un contrappeso di blocchi di cemento e il braccio lungo trasporta l'attrezzatura di sollevamento. L'operatore della gru si trova in una cabina nella parte superiore della torre o controlla la gru tramite radiocomando da terra, di solito in piedi vicino al carico. Nel primo caso, la cabina dell'operatore si trova nella parte superiore della torre appena sotto il braccio orizzontale. Il braccio è montato su un cuscinetto orientabile ed è ruotato per mezzo di un motore orientabile. Il gancio di sollevamento è azionato da un sistema di pulegge.

Una gru a torre è solitamente assemblata da una gru telescopica di capacità di sollevamento minore ma di altezza maggiore e nel caso di gru a torre che sono sorte durante la costruzione di grattacieli molto alti, una gru più piccola (o torre) viene talvolta sollevata sul tetto del completamento torre per smontare successivamente la gru a torre. Una gru a torre autoassemblante si solleva da terra mediante martinetti, consentendo di inserire la sezione successiva della torre a livello del suolo.

Gru montata su camion


Una tipica gru montata su camion
Una gru montata su un supporto per camion offre la mobilità per questo tipo di gru.

In genere, queste gru sono progettate per essere in grado di viaggiare su strade e autostrade, eliminando la necessità di attrezzature speciali per il trasporto di una gru sul luogo di lavoro. Quando si lavora in cantiere, gli stabilizzatori vengono estesi orizzontalmente dal telaio, quindi verso il basso in verticale per livellare e stabilizzare la gru mentre è ferma e si alza. Molte gru per camion hanno una capacità di marcia lenta limitata (solo poche miglia all'ora) mentre sospendono un carico. Bisogna fare molta attenzione a non far oscillare lateralmente il carico dalla direzione di marcia, poiché la maggior parte della stabilità anti-ribaltamento risiede nella forza e rigidità delle sospensioni del telaio. La maggior parte delle gru di questo tipo hanno anche contrappesi mobili per la stabilizzazione oltre a quelli degli stabilizzatori. I carichi sospesi direttamente sul retro rimangono più stabili, poiché la maggior parte del peso della gru del camion stesso funge quindi da contrappeso al carico. Grafici calcolati in fabbrica (o protezioni elettroniche) vengono utilizzati dall'operatore della gru per determinare i carichi massimi sicuri per il lavoro stazionario (stabilizzato) nonché i carichi (su gomma) e le velocità di marcia.

Le gru per camion hanno dimensioni che vanno da circa 14,5 tonnellate statunitensi a circa 1200 tonnellate statunitensi.

Gru fuoristrada

Una gru montata su un carrello con quattro pneumatici in gomma progettata per operazioni di pick-and-carry e per applicazioni fuoristrada e "terreni accidentati". Gli stabilizzatori che si estendono orizzontalmente e verticalmente vengono utilizzati per livellare e stabilizzare la gru per il sollevamento. Queste gru telescopiche sono macchine monomotore in cui viene utilizzato lo stesso motore per l'alimentazione del carrello utilizzato per l'alimentazione della gru, simile a una gru cingolata. Tuttavia, in una gru per terreni accidentati, il motore è solitamente montato nel carrello piuttosto che nella parte superiore, come la gru cingolata.

Gru cingolata

Un cingolato è una gru montata su un carrello con una serie di cingoli che garantiscono stabilità e mobilità della gru. Le gru cingolate presentano vantaggi e svantaggi a seconda dell'uso previsto. Il vantaggio principale di un cingolato è che possono spostarsi sul posto ed eseguire ascensori con una configurazione molto ridotta, in quanto la gru è stabile sui suoi binari senza stabilizzatori. Inoltre, una gru cingolata è in grado di viaggiare con un carico. Lo svantaggio principale di una gru cingolata è che sono molto pesanti e non possono essere facilmente spostati da un cantiere all'altro senza spese significative. In genere, un cingolo di grandi dimensioni deve essere smontato o spostato dalla chiatta per essere trasportato.

Gru a cavalletto


Gru a portale Portainer nel porto di Amburgo
Una gru a cavalletto ha un paranco in un carrello che corre orizzontalmente lungo le rotaie a cavalletto, solitamente montate sotto una trave che si estende tra i montanti che a loro volta hanno ruote in modo che l'intera gru possa muoversi ad angolo retto rispetto alla direzione delle rotaie a cavalletto. Queste gru sono disponibili in tutte le dimensioni e alcune possono spostare carichi molto pesanti, in particolare gli esempi estremamente grandi utilizzati in cantieri navali o installazioni industriali. Una versione speciale è la gru per container (o gru "Portainer", che prende il nome dal primo produttore), progettata per caricare e scaricare container trasportati da navi in ​​un porto.

Carroponte

Conosciuta anche come "gru sospesa", questo tipo di gru funziona come una gru a cavalletto ma senza montanti. Il paranco è su un carrello, che si muove in una direzione lungo una o due travi che si muovono ad angolo retto in quella direzione lungo binari elevati, spesso montati lungo le pareti laterali di un'area di assemblaggio in una fabbrica . Alcuni di loro possono sollevare carichi molto pesanti.

Gru galleggiante


SSCV Thialf
Le gru galleggianti sono utilizzate principalmente nella costruzione di ponti e costruzioni portuali, ma sono anche utilizzate per il carico e lo scarico occasionale di carichi particolarmente pesanti o scomodi su e fuori navi. Alcune gru galleggianti sono montate su un pontone, altre sono chiatte per gru specializzate con una capacità di sollevamento superiore a 10.000 tonnellate e sono state utilizzate per trasportare sezioni di ponti complete. Le gru galleggianti sono state usate anche per salvare navi affondate.

Le navi gru vengono spesso utilizzate nella costruzione offshore. Le più grandi gru girevoli si trovano su SSCV Thialf, che ha due gru con una capacità di 7100 tonnellate ciascuna.

Gru della nave (coperta)

Situato sulle navi e utilizzato per le operazioni di carico che consente di ridurre i costi evitando l'uso delle gru a terra. Fondamentale anche nei piccoli porti marittimi in cui non sono disponibili gru a terra. Principalmente sono elettrici, idraulici, elettroidraulici.

Gru aerea

Le gru aeree di solito si estendono dagli elicotteri per sollevare grandi carichi. Gli elicotteri sono in grado di viaggiare e sollevarsi in aree che sono più difficili da raggiungere con una gru convenzionale. Le gru aeree per elicotteri sono più comunemente utilizzate per sollevare unità / carichi su centri commerciali, edifici a più piani, grattacieli e così via. Tuttavia, possono sollevare praticamente qualsiasi cosa all'interno della loro capacità di sollevamento (ovvero automobili, barche, piscine e così via). Funzionano anche come soccorso in caso di catastrofi dopo disastri naturali per la bonifica e durante gli incendi selvaggi sono in grado di trasportare enormi secchi d'acqua sugli incendi per spegnerli.

Esempi inclusi:

Sikorsky S-64 Skycrane / Erickson Air Crane - versione civile
CH-54 Tarhe: versione militare
Gru a bandiera

Una gru a bandiera è un tipo di gru in cui un elemento orizzontale ( braccio o braccio ), che supporta un paranco mobile, è fissato a una parete o a un pilastro montato a pavimento. Le gru a bandiera sono utilizzate in locali industriali e su veicoli militari. Il braccio può oscillare attraverso un arco, per dare ulteriore movimento laterale, o essere riparato. Gru simili, spesso note semplicemente come montacarichi, sono state installate all'ultimo piano degli edifici del magazzino per consentire il sollevamento di merci a tutti i piani.

Macchine simili a gru
La definizione generalmente accettata di gru è una macchina per il sollevamento e lo spostamento di oggetti pesanti mediante funi o cavi sospesi a un braccio mobile. Pertanto, una macchina di sollevamento che non utilizza cavi o fornisce solo un movimento verticale e non orizzontale, non può essere definita rigorosamente "gru".

I tipi di macchine di sollevamento simili a gru includono:

Blocca e affronta
Cabestano (nautico)
Paranco (dispositivo)
Verricello
argano
Tipi più tecnicamente avanzati di tali macchine di sollevamento sono spesso noti come "gru", indipendentemente dalla definizione ufficiale del termine. Seguono alcuni esempi notevoli:

Caricatore di gru


Una gru del caricatore che scarica i mattoni concreti aerati ad un cantiere
Una gru per caricatore (chiamata anche "gru con braccio articolato") è un braccio articolato ad azionamento idraulico montato su un camion o rimorchio e viene utilizzato per caricare / scaricare il veicolo. Le numerose sezioni articolate possono essere ripiegate in un piccolo spazio quando la gru non è in uso. Una o più sezioni possono essere telescopiche. Spesso la gru avrà un certo grado di automazione e sarà in grado di scaricare o stivare se stessa senza le istruzioni dell'operatore.

A differenza della maggior parte delle gru, l'operatore deve muoversi attorno al veicolo per poter visualizzare il suo carico; pertanto le gru moderne possono essere dotate di un sistema di controllo portatile cablato o radio-integrato per integrare le leve di comando idrauliche montate su gru.

Nel Regno Unito, questo tipo di gru è quasi invariabilmente noto colloquialmente come un "Hiab", in parte a causa della proporzione di gru fornite da questo produttore e in parte perché il nome distintivo è stato mostrato in modo prominente sul braccio del braccio.

Gru per caricatore

Questa è una gru caricatrice montata su un telaio con ruote. Questo telaio può guidare sul rimorchio. Poiché la gru può muoversi sul rimorchio, può essere una gru leggera, quindi il rimorchio può trasportare più merci.

Tra i produttori di gru rolloader figurano l'olandese Kennis e la società finlandese Hiab (Hydrauliska Industri AB).

Carrelli elevatori

Un impilatore è una gru con un meccanismo a forca usato nei magazzini automatizzati (controllati da computer) (noto come sistema di stoccaggio e recupero automatizzato o AS / RS). La gru si muove su una pista in un corridoio del magazzino. La forcella può essere sollevata o abbassata a uno qualsiasi dei livelli di un rack di stoccaggio e può essere estesa nel rack per conservare e recuperare il prodotto. In alcuni casi il prodotto può essere grande come un'automobile . Le gru impilatrici vengono spesso utilizzate nei grandi magazzini congelatori dei produttori di alimenti surgelati. Questa automazione evita che i conducenti di carrelli elevatori debbano lavorare ogni giorno a temperature sotto lo zero.
Torna in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




storia della gru Empty
MessaggioTitolo: Re: storia della gru   storia della gru Icon_minitime

Torna in alto Andare in basso
 
storia della gru
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Camion per passione! :: In pausa... :: Mostra fotografica-
Vai verso: