Camion per passione!
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.
Camion per passione!

Forum Italiano dei Camion
 
IndiceIndice  CercaCerca  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

 

 Volvo L 120

Andare in basso 
AutoreMessaggio
el magutt

el magutt

Messaggi : 5537
Data di iscrizione : 09.11.13
Età : 62
Località : leno lombardia brescia

Volvo L 120 Empty
MessaggioTitolo: Volvo L 120   Volvo L 120 Icon_minitimeDom Giu 02, 2019 6:06 pm

Volvo L 120

Volvo L 120 Attachment

Volvo L 120 Attachment


Volvo L 120 Attachment



Volvo L 120 Attachment


Volvo L 120 Attachment




Volvo L 120 Attachment



Volvo L 120 Attachment





Volvo L 120 Attachment




Volvo L 120 Attachment





Volvo L 120 Attachment




Volvo L 120 Attachment




Volvo L 120 Attachment




Volvo L 120 Attachment
Volvo L 120 Attachment




Volvo L 120 4014-711419b6910366519ee5e52605a3e95f-2142762-1vb



Volvo L 120 4014-711419b6910366519ee5e52605a3e95f-2142762-2vb




Volvo L 120 4014-711419b6910366519ee5e52605a3e95f-2142762-3vb



Volvo L 120 4014-711419b6910366519ee5e52605a3e95f-2142762-0vb




Volvo L 120 Attachment



Volvo L 120 Attachment
Volvo L 120 Attachment





Volvo L 120 Attachment





Volvo L 120 Attachment


Volvo L 120 Attachment



Volvo L 120 Attachment



Volvo L 120 Attachment


Volvo L 120 Attachment




Volvo L 120 Attachment



Volvo L 120 Attachment



Volvo L 120 Attachment


http://www.baumaschinenbilder.de/forum/thread.php?threadid=1760&threadview=0&hilight=&hilightuser=0&page=1




Volvo L 120 Volvo-l120,33575_1



Volvo L 120 Volvo-l120,33575_3



Volvo L 120 525


http://www.foligno.it/italiano/annuncio_9_telaio_di_capannone_o_casa_antisismica_mq_100.php
Volvo L 120 598



Volvo L 120 599



Volvo L 120 600


Volvo L 120 522
descrizione
Telaio di capannone o casa antisismica di mq 100 (dimensioni mt. 10x10).
Altezza centrale interna cm. 324.
Altezza laterale interna cm. 230.
Altezza centrale esterna cm. 350 circa.
Altezza laterale esterna cm. 260 circa.
Misura del tetto mt.12x12 circa.
Costruito senza concessione edilizia subito dopo il terremoto del 1997 e utilizzato come abitazione durante i lavori di ristrutturazione della mia casa lesionata dal terremoto, dopo alcuni anni è stato smontato per ordine del Comune di Foligno.

Il telaio in acciaio attualmente non è verniciato come nelle foto scattate qualche anno fa ma è da riverniciare.
È stato realizzato con i seguenti materiali:
IPE220 trave orizzontale centrale lungo mt.12 (6+6);
IPE180 travi orizzontali laterali lunghi mt.12 (6+6);
IPE180 travi obliqui delle falde del tetto lunghi mt.6 circa;
HEA100 nove colonne; le 3 colonne centrali misurano cm. 324, le 6 colonne laterali misurano cm. 212.
Tubolare 80x80 per sostenere il tavolato del tetto.
L'assemblaggio delle parti va fatto con bulloni e dadi.
Per montare tutta la struttura è più che sufficiente l'uso di un camioncino con gru che sostenga i travi mentre questi vengono fissati tra di loro con viti e dadi.
Originariamente la struttura è stata assemblata da sole 3 persone in soli 2 giorni utilizzando un trattore che con una gruetta applicata al sollevatore alzava i travi fino all'altezza necessaria.

Si tratta di una struttura antisismica.
É una struttura estremamente robusta perchè sovradimensionata.
É calcolata per un tetto in laterizio, ma è molto più sicura e facile da montare se ricoperta di pannelli di alluminio o di un tavolato.
La struttura ora è smontata e essendo rimasta all'aperto necessita di una nuova verniciatura.
Se tamponata perimetralmente con dei muri o pannelli sandwich potrebbe fungere da abitazione di mq.100.
Le divisioni interne potrebbero essere in cartongesso.

Regalo insieme alla struttura:
6 finestre in alluminio colore antracite con vetri termici;
1 portoncino in ferro a 2 ante misura cm.200x200 circa con vetri antisfondamento;
1 porta in ferro a 1 ante misura cm.100x200 circa con vetri antisfondamento.
Torna in alto Andare in basso
el magutt

el magutt

Messaggi : 5537
Data di iscrizione : 09.11.13
Età : 62
Località : leno lombardia brescia

Volvo L 120 Empty
MessaggioTitolo: Re: Volvo L 120   Volvo L 120 Icon_minitimeDom Giu 02, 2019 6:15 pm

Torna in alto Andare in basso
el magutt

el magutt

Messaggi : 5537
Data di iscrizione : 09.11.13
Età : 62
Località : leno lombardia brescia

Volvo L 120 Empty
MessaggioTitolo: STRUTTURA METALLICA PER PARCHEGGIO   Volvo L 120 Icon_minitimeDom Giu 02, 2019 6:19 pm

STRUTTURA METALLICA PER PARCHEGGIO
Volvo L 120 WP_20160811_001

Volvo L 120 WP_20160811_003

Volvo L 120 WP_20160811_006
Struttura metallica L. 10,00 X 5,00 zincata a caldo per parcheggio autoveicoli, coperta con lamiera grecata zincata preverniciata, completa di canale di gronda e discendente




Volvo L 120 WP_20160811_001
Torna in alto Andare in basso
el magutt

el magutt

Messaggi : 5537
Data di iscrizione : 09.11.13
Età : 62
Località : leno lombardia brescia

Volvo L 120 Empty
MessaggioTitolo: Re: Volvo L 120   Volvo L 120 Icon_minitimeDom Giu 02, 2019 6:35 pm

https://www.diniaroldo.it/

https://www.diniaroldo.it/blog/?category=MANUALE+TECNICO

IL FABBRO"
Pubblicato da in IL FABBRO · 12/4/2016 07:43:00
Un fabbro è una persona che crea oggetti di ferro oppure acciaio, utilizzando a questo scopo attrezzi a mano per martellare, curvare, tagliare o comunque dare forma al metallo quando questo si trova in uno stato non liquido. Solitamente il metallo viene riscaldato fino a farlo diventare incandescente, e successivamente sottoposto alla lavorazione di forgiatura. Questo tipo di lavorazione è stata una delle prime tecniche utilizzate per la lavorazione dei metalli. Il termine "fabbro" proviene dalla parola latina faber.
Alcuni manufatti dei fabbri sono: cancelli di ferro battuto, griglie, ringhiere, mensole, sculture, attrezzi, oggetti decorativi, utensili da cucina, e armi. Un fabbro esperto sa realizzare, con il minimo impiego di lavoro ed energia, prodotti di aspetto piacevole che abbinano talento e originalità.
Un fabbro che lavora principalmente sugli attrezzi per i cavalli è chiamato maniscalco. Il maniscalco lavora con il metallo nero, specialmente ferro. Il colore nero proviene da uno strato di ossido che si deposita sulla superficie del metallo durante il riscaldamento.

IL PROCESSO DI LAVORAZIONE

I fabbri lavorano riscaldando le parti di ferro modellato o di acciaio in usere modellato con gli attrezzi, come, ad esempio, un martello. Il riscaldamento è compiuto tramite l'uso di una forgia rifornita da propano, gas naturale, carbone, carbone di legna, o coke. I fabbri possono usare la fiamma ossidrica o la fiamma ossi-acetilenica, per riscaldare il metallo in punti più circoscritti.
Il colore è un indicatore molto utile della temperatura e lavorabilità del metallo: man mano che si riscalda il ferro prima diventa rosso, poi arancione, giallo, e infine bianco. La temperatura ideale per la maggior parte delle operazioni di forgiatura è quella corrispondente al colore giallo-arancio, più o meno nota come calore di forgiatura. Per evitare che la luce ambiente impedisca loro di valutare con precisione il colore del metallo, molti fabbri lavorano al buio, o in ambienti poco illuminati. Le tecniche di lavorazioni principale dei fabbri sono:

FORGIATURA

Detta anche fucinatura. Mediante forgiatura il metallo viene deformato e plasmato in modo da fargli assumere la forma e le funzionalità desiderate. A differenza della maggior parte delle lavorazioni meccaniche (con le eccezioni della punzonatura e del taglio) nella forgiatura non si ha asportazione di metallo, bensì deformazione mediante martellatura. Si annoverano quattro operazioni o tecniche basilari di forgiatura: trazione, piegatura, compressione, punzonatura. Queste tecniche di solito si mettono in pratica mediante utilizzo del martello e dell'incudine, ma i fabbri utilizzano spesso anche altre tipologie di attrezzi, soprattutto per eseguire rapidamente e col minimo sforzo i lavori più semplici e ripetitivi.

TRAZIONE

Il metallo viene stirato secondo uno dei tre assi in modo da ridurre una o entrambe le dimensioni degli assi ortogonali a quello di trazione. Nel caso di una barra, riducendo lo spessore si aumenta la larghezza, oppure si restringono entrambe se si aumenta la lunghezza.
Ad esempio, per realizzare un bulino per legno il fabbro può appiattire un barra d'acciaio a sezione quadrata, allungarla, riducendo così lo spessore ma mantenendo la larghezza alla dimensione necessaria. La lavorazione di trazione non deve necessariamente essere eseguita in modo uniforme. Ad esempio, quando si crea un cuneo o uno scalpello per falegnameria è necessario stirare il metallo fino ad appiattirlo all'estremità. Se l'appiattimento è eseguito contemporaneamente secondo due direzioni, si ottiene un oggetto che termina con una punta.
Per questo tipo di lavorazione si possono usare molti diversi attrezzi. Gli attrezzi più comunemente usati sono il martello e l'incudine. Con il martello si può per battere il ferro contro i due corni dell'incudine, oppure contro la faccia piana della stessa incudine usandone il lato appuntito e conformato a croce.

PIEGATURA

La lavorazione di piegatura è una delle più semplici: il metallo viene curvato per fargli assumere la forma desiderata. Da una barra si possono realizzare ganci, anelli e catene. Per piegare il ferro sono sufficienti martello e incudine, ma i fabbri spesso si avvalgono di copie e altri attrezzi progettati allo scopo di rendere il processo più semplice e standardizzato. Il modo classico di piegare il metallo è appoggiare sull'incudine il pezzo di metallo portato all'incandescenza, facendolo sporgere da una parte e colpendolo con colpi di martello in modo da curvarlo verso il basso, continuando poi l'operazione dopo aver capovolto il pezzo orientando verso l'alto la parte precedentemente curvata. Possono poi essere eseguite ulteriori rifiniture usando come appoggi i corni dell'incudine.

COMPRESSIONE

La compressione (o ricalcatura o rifollatura) è il processo che consiste nell'addensare il metallo riducendo la dimensione longitudinale e aumentando le altre due. In un certo senso, è come premere il metallo indietro contro se stesso per concentrarlo. Ad esempio, per creare delle punte di freccia, un fabbro martellerà l'estremità di una spranga, addensandola e riducendo la lunghezza totale.

PUNZONATURA

La punzonatura crea una depressione o un foro nel metallo per mezzo di un punzone. Questa tecnica può essere usata a scopo decorativo, o, più semplicemente, per praticare un foro. Per esempio, per fare la testa di un martello il fabbro prenderà una barra di adeguata robustezza e spessore e vi praticherà il foro in cui inserire il manico. La punzonatura non si limita all'esecuzione di rilievi e fori, ma include anche il taglio, l'incisione e lo stiramento.

LAVORAZIONI COMBINATE

I quattro tipi di lavorazione sopra descritti sono spesso eseguiti in combinazione per ottenere e perfezionare l'aspetto e le funzionalità che si vogliono dare al prodotto finito.
Ad esempio, per formare una testa di martello a forma di penna il fabbro partirà da una barra di diametro approssimativamente uguale a quello della testa del martello, eseguirà il foro per inserire il manico mediante un punzone e successivo stiramento, taglierà la testa (utilizzando una zeppa), e la parte a forma di penna sarà stirata fino a farle assumere la forma desiderata.
Ad esempio, per creare uno scalpello, poiché quando lo si sottopone a trazione si allunga e tende ad aumentare in larghezza, il fabbro lo girerà spesso su un lato, martellandolo dall'alto verso il basso allo scopo di fargli mantenere la larghezza prevista dal progetto.
Un altro esempio: quando deve curvare ad angolo retto una barra e vuole che la curvatura sia fatta a spigolo vivo, il fabbro comincia a martellare un'estremità della barra per abbozzare la curva, e poi, per rifinire il lavoro, spinge indietro e martella una o entrambe le estremità, ripetendo l'operazione finché la curvatura ha assunto la forma e il raggio desiderati.

SALDATURA A FUOCO

Per eseguire la saldatura a fuoco, detta anche bollitura meccanica, si applica per prima cosa sulle parti da unire un disossidante, quale il borace o la sabbia silicea; si riscaldano quindi i pezzi nella fucina sino allo stato plastico, si sovrappongono e si congiungono tramite percussione col martello o col maglio. I bordi da unire vanno preparati in modo che la linea di giunzione sia più lunga possibile.



BRUNITURA (COLORAZIONE SU METALLO)
Pubblicato da in IL FABBRO · 12/4/2016 17:56:00
La brunitura (talvolta detta anche bronzatura) è la colorazione superficiale di un metallo praticata con vari metodi ed avente lo scopo di fornire una protezione contro l'ossidazione oltre che di migliorarne l'aspetto.

STORIA

Anticamente si eseguiva il tipo più semplice di brunitura, ovvero l'azzurratura alla fiamma, consistente nell'esporre per qualche secondo il pezzo ad un forte calore, osservandone i veloci cambiamenti di colore ed una volta raggiunto quello desiderato (per es. l'azzurro), si immergeva il pezzo rapidamente nell'acqua a temperatura ambiente rendendo così la colorazione permanente.
Questo metodo aveva essenzialmente due difetti: se il pezzo era in acciaio temperato la tempra poteva subire alterazioni per la brusca differenza di calore; inoltre il colore così ottenuto non era molto resistente agli agenti esterni e facilmente scompariva sotto l'azione di sostanze anche solo debolmente acide come ad esempio il sudore. A tale metodo furono sostituiti (o talvolta sovrapposti) trattamenti chimici che conferivano (e conferiscono – poiché sono ancora usati) una colorazione assai più resistente e duratura.

ESECUZIONE SU METALLI FERROSI

Generalizzando si può dire che questa si esegue (tranne che per l'acciaio inossidabile) immergendo il pezzo di ferro o acciaio, ben pulito e sgrassato, in un bagno d' acqua con acetato di piombo, iposolfito di sodio ed altre sostanze che possono variare in quantità (così come i tempi del trattamento stesso) a seconda del metallo da trattare e del colore che questo deve assumere.
Un metodo ancora oggi assai usato specialmente da restauratori e da costruttori nella produzione di piccole serie è il seguente: il pezzo, sempre ben pulito e sgrassato, viene immerso in un bagno a circa 100 °C di acqua in cui vengono disciolti iposolfito di sodio, acetato di piombo e solfato di rame. Prolungando il tempo di immersione il metallo assume via via vari colori passando dal blu chiaro, al porpora, al grigio, fino al nero.
Una brunitura nera e brillante su ferro ed acciaio si può anche ottenere immergendo il pezzo scaldato fino al colore giallo in olio e, una volta raggiunta la brunitura, scaldandolo ancora lievemente per poi lasciarlo raffreddare a temperatura ambiente. Un altro sistema, assai vecchio ma che non altera le proprietà della tempra consiste nel cospargere il pezzo con cera vergine di api alla quale viene successivamente dato fuoco. Una volta che questa è completamente bruciata il pezzo viene lasciato lentamente raffreddare. Questo metodo non è più usato, se non da alcuni amatori di armi antiche e restauratori.

ESECUZIONE SU METALLI NON FERROSI

Si può ottenere una brunitura su rame, ottone o bronzo utilizzando una soluzione di Solfuro di potassio (chiamato comunemente "fegato di zolfo"), semplicemente immergendovi i pezzi anche a freddo (sempre ben sgrassati) per qualche minuto e sciacquandoli poi in acqua corrente.

BRUNITURA MEDIANTE TRATTAMENTI GALVANICI

Uno dei vari metodi, oggi molto usati, anche a livelli industriali, consiste nell'immergere il pezzo da trattare in una soluzione acquosa di solfantimoniato di sodio (o "sale di Schlippe"), di carbonato di sodio anidro e praticare poi un'elettrolisi per alcuni minuti alla temperatura ambiente con una corrente di 0,35 ampere a tensioni comprese tra 2,4 e 4 volt. Questo metodo è impiegato anche nel trattamento di rame ed ottone.

BRUNITURA PER PICCOLI PEZZI

Esistono attualmente in commercio soluzioni brunitrici già pronte che agiscono anche a freddo e richiedono solo una preventiva accurata pulizia dei pezzi da trattare. È poi sufficiente stendere un velo di prodotto (o più se si desidera un colore più scuro) sul pezzo ed una volta raggiunto il colore voluto sciacquarlo in acqua e, dopo accurata asciugatura, lasciare il pezzo immerso in olio per un certo tempo onde evitare la possibile ossidazione che potrebbe sopravvenire nelle ore immediatamente successive. Tali soluzioni (che esistono sia per metalli ferrosi che non) non permettono però (tranne rare eccezioni) la brunitura omogenea e uniforme su pezzi di grandi dimensioni.


http://www.diniaroldo.it/blog/?id=ykq04uag
Volvo L 120 IMG_20181119_111710



https://www.lorenziyuri.it/preventivi-strutture-lavorazioni-in-ferro-zincate-parma/pergolati-per-giardini-parma/


Volvo L 120 Pergolati-per-giardini-Parma



Volvo L 120 IMG_20180524_143827



Volvo L 120 IMG_20171213_111134




Volvo L 120 WP_20160811_001
Volvo L 120 Fabbro




Volvo L 120 IMG_20181203_114254



Volvo L 120 IMG_20181018_153909



Volvo L 120 IMG_20181018_153930



Volvo L 120 Images?q=tbn:ANd9GcR9mZuSh-3UQRDy3eTXu4pwIvn-G3HlfjG6M2hyjKvm8pU8UbEU




Volvo L 120 Logo2



Volvo L 120 Tettoie-in-ferro


Le tettoie in ferro sono oggi molto utilizzate da privati che hanno a disposizione ampi spazi esterni e che vogliono avere la possibilità di godersi maggiormente la vita e il tempo libero all’aria aperta, specie durante la bella stagione. Attraverso la progettazione e la realizzazione di tettoie in ferro personalizzate, Mister Fabbro offre ai propri clienti l’opportunità di godere dei loro spazi esterni in tutta sicurezza, comodità e tranquillità grazie alla sua offerta di tettoie in ferro per Cirimido e limitrofi.

Le tettoie in ferro possono essere poi corredate da tendaggi idonei o da materiali che possano proteggere dal sole o dalla pioggia e il ferro utilizzato può essere lavorato in diversi modi per rendere le tettoie più gradevoli anche dal punto di vista estetico.

Le tettoie in ferro vengono poi realizzate anche a seconda della posizione che andranno ad occupare nello spazio esterno: la tettoia può essere addossata ad una parete della casa, può essere semplicemente ancorata al terreno o, ancora, può essere a libera installazione autoportante.



http://www.super-zoo.it/il-mestiere-del-fabbro-tutto-quello-che-devi-sapere/



Volvo L 120 Po899v

Il mestiere del fabbro: tutto quello che devi sapere

La professionalità di un fabbro è una materia davvero ampia e complessa e richiede un bagaglio di conoscenze pressoché infinito, che abbraccia la merceologia, la metallurgia, il disegno tecnico e le abilità manuali.

La professione del fabbro brugherio fatta di grande disciplina, dedizione e rispetto: in questo senso anche piccole buone pratiche, come quella di pulire gli attrezzi da lavoro prima di appuntare un ferro con l’altro, diventano fondamentali.

C’è da dire che purtroppo il fabbro ferraio tradizionale è un mestiere che rischia l’estinzione. Infatti al giorno d’oggi, le nuove generazioni non sono molto indirizzate verso questa nobile professione. Il lavoro del fabbro è dunque molto mutato rispetto alle origini e si caratterizza per una maggior specializzazione in alcuni settori, tra cui spiccano quelli dei serramentisti o dei carpentieri, con cui il fabbro ha numerosi punti in contatto.

Il fabbro è colui che è in grado di creare oggetti di ferro oppure d’acciaio, utilizzando a questo scopo attrezzi a mano per martellare, curvare, tagliare o comunque dare forma al metallo quando questo si trova in uno stato non liquido. Una figura esperta è in grado di realizzare, con il minimo impiego di lavoro ed energia, prodotti di aspetto piacevole che abbinano talento e originalità. Nei tempi antichi, gli artigiani adoperavano grossi forni, azionati da meccanismi collegati ad animali per modellare il metallo. Oggi le tecniche si sono considerevolmente aggiornate, ma, ancor di più delle tecniche si sono affinate le esigenze di chi richiedete certi servizi.




Se prima si lavorava per la realizzazione di una spada, adesso viene richiesto un cancello, se prima era uno zoccolo, adesso è una serratura. Portare il metallo ad altissime temperature (900°C) permette di lavorare la materia e di poterla forgiare. Praticamente il materiale col calore viene reso malleabile, ed in seguito deformato e plasmato in modo da fargli assumere la forma e le funzionalità desiderate.
Torna in alto Andare in basso
el magutt

el magutt

Messaggi : 5537
Data di iscrizione : 09.11.13
Età : 62
Località : leno lombardia brescia

Volvo L 120 Empty
MessaggioTitolo: Re: Volvo L 120   Volvo L 120 Icon_minitimeDom Giu 02, 2019 6:36 pm

Volvo L 120 Tettoie-prefabbricate-in-ferro-usate-bello-struttura-metallica-per-parcheggio-lavorazione-ferro-blog-fabbro-of-tettoie-prefabbricate-in-ferro-usate
Torna in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




Volvo L 120 Empty
MessaggioTitolo: Re: Volvo L 120   Volvo L 120 Icon_minitime

Torna in alto Andare in basso
 
Volvo L 120
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Camion per passione! :: Passion! :: Camion :: Volvo-
Vai verso: